CARMEN SITA  "Outta Kali phobia"
   (2015 )

S'intitola "Outta Kali Phobia" il disco d'esordio dei Carmen Sita, duo al debutto sulla scena musicale italiana con un'autoproduzione in cui si tenta di abbattere le barriere di genere. Carmen Cangiano e Claudio Fabbrini sono i protagonisti di questo progetto: la cantante ha una voce molto "black", che regala dolci venature soul a un sound comunque contaminato e variopinto, il chitarrista si muove continuamente in territori diversi, permettendo escursioni folk e pop/rock in un contesto in cui non mancano neanche sfumature vagamente psichedeliche. In alcuni pezzi, ad arricchire ulteriormente il sound, ci sono anche ukulele, harmonium e percussioni. Sono due ottimi interpreti, che coesistono in un contesto pi¨ ampio chiamato Carmen Sita, entrambi con una identitÓ fortissima. Lei con la sua voce, lui con la sua chitarra che produce soluzioni imprevedibili e accenna a virtuosismi che non sono mai esagerati. Il songwriting Ŕ in italiano solamente in "La Noia Ha Fame", pezzo ben inserito in un disco con una netta padronanza della lingua inglese, tra l'altro ideale all'interno del contesto musicale ed anche per l'intepretazione di Camen Cangiano. L'affiatamento sembra essere la marcia in pi¨ di un duo che debutta col botto e che pu˛ ancora crescere in un futuro che, indubbiamente, gli darÓ ragione. L'originalitÓ e l'allegria, insieme alla grande varietÓ offerta dai sette pezzi di "Outta Kali Phobia", mettono a nudo tutto il talento di una coppia che potrÓ togliersi parecchie soddisfazioni. La strada Ŕ giÓ quella giusta. (Piergiuseppe Lippolis)