Sono presenti 13635 news.

13/11/2019
NIRVANA
Esce ''Kurt Cobain Dossier'', un'indagine lucida e corrosiva su uno dei suicidi pių enigmatici del secolo scorso

12/11/2019
MASSIMO PRIVIERO
Nel 4° anniversario degli attentati di Parigi, la sua ''Bataclan'' č scelta per le commemorazioni

tutte le news


news - rassegna stampa

18/07/2013   VINICIO CAPOSSELA
  Approda al cinema con un film da lui scritto: 'Indebito'

Unite un tema di assoluta attualita' (la crisi greca), un regista pluripremiato reduce dal successo internazionale di ''Io sono Lė'' (Andrea Segre) e un cantautore sensibile e immaginifico (Vinicio Capossela). E' cosi' che nasce ''Indebito'', il film che narra la crisi del paese culla di tutta la cultura occidentale, la terra per cui oggi siamo quello che siamo. Un affresco che racconta le origini dell'uomo. Forse perche', dopo un tramonto, non possiamo che sperare in un'alba nuova e in una luminosa riscossa. Il film, scritto da Vinicio Capossela e Andrea Segre con la regia di Andrea Segre e la fotografia di Luca Bigazzi, aprira' in prima mondiale, il 7 agosto prossimo, la sezione 'fuori concorso' del 66° Festival del Film di Locarno. Sulle tracce del rebetiko, la musica della ribellione greca, Capossela e Segre tracciano il ritratto tragico di un paese in cui la crisi economica ha svuotato di valore tutto cio' che non ha un prezzo. Ma, nonostante la crisi, resta il rebetiko e la voglia di cambiare le cose e di ribellarsi. Prodotto da Jolefilm e La Cupa in collaborazione con Rai Cinema, Indebito sara' nelle sale italiane in autunno in data unica, un'uscita evento con la distribuzione di Nexo Digital. "Abbiamo girato tutto con tre camere a mano, ma non sporche - racconta Andrea Segre - Inquadrature instabili che cercano di essere stabili. Concerti notturni, parole che diventano musica e musica che ascolta le parole. E le citta' i giorno. La poesia del cemento. I segni della rabbia sui muri, le vetrine della crisi. La decadenza della crisi. Un film costruito nel solco del cinema-documentario, ma lasciando spazio a momenti di messa in scena teatrale che cercano dialogo anche con il repertorio e la memoria". (Adnkronos)