Sono presenti 13467 news.

14/06/2019
MANU CHAO
Il 30 agosto arriverà la ristampa per il 20ennale di ''Clandestino'', comprendente 3 brani inediti

14/06/2019
FESTA DELLA MUSICA BRESCIA
Il 22 Giugno si terrà, anche per quest'anno, la Festa della Musica più grande d'Italia

tutte le news


news - rassegna stampa

10/01/2007   FRANCESCO GUCCINI
  Sold out dopo pochi giorni il concerto al Palalottomatica di Roma

Il 26 gennaio il Palalottomatica di Roma ospiterà il concerto di Francesco Guccini: ed i biglietti sono “sold out” dopo appena 15 giorni di prevendita! Dopo il successo dell’album dal vivo “Anfiteatro Live”, pubblicato nel 2005 su cd e dvd, il cantautore modenese torna a esibirsi con un concerto inedito che lo porterà nei palasport delle principali città della penisola. Guccini sarà accompagnato sul palco da Ellade Bandini (batteria e percussioni), Antonio Marangolo (sax e percussioni), Vince Tempera (pianoforte e tastiere), Pierluigi Mingotti (basso), Roberto Manuzzi (sax, armonica, fisarmonica e tastiere) e Juan Carlos “Flaco” Biondini (chitarre). Nella scaletta non mancheranno alcuni dei suoi brani più conosciuti come “Canzone della bambina portoghese”, “Eskimo”, “L’isola non trovata”, “Noi non ci saremo”, “Incontro”, “Lettera”, “Quello che non”. Francesco Guccini è nato a Modena il 14 giugno 1940, ma a causa della guerra ha trascorso l’infanzia e parte dell’adolescenza nel paese dei nonni paterni, Pàvana, località dell’Appennino Pistoiese già però circondata dal territorio bolognese. Anche oggi, appena può, ama tornare là. Ha cominciato a suonare e a scrivere canzoni alla fine degli anni cinquanta, a metà degli anni ’60 è uscito il suo primo LP. Ha alle spalle la realizzazione di 21 dischi e può contare, in Italia, su un seguito consolidato in trent’anni di attività. Per assistere ad un suo concerto accorrono a migliaia, e, per uno spettacolo dove non esiste alcun effetto scenico, dove l’unica cosa che conta è il rapporto che si stabilisce fra pubblico ed interprete, non è cosa da poco. Ama considerarsi appartenente alla famiglia dei cantastorie dai quali ha ereditato una tecnica raffinata nella costruzione dei versi delle sue canzoni, unica nel suo genere. E’ stato considerato a lungo il cantautore politicizzato per eccellenza. E questo è una specie di equivoco alla creazione del quale hanno contribuito in modo determinante eventi storici che facevano sì che ogni affermazione venisse interpretata alla lettera, con l’occhio (e l’orecchio) di quei tempi. Guccini è certamente “politico”, ma nel senso lato del termine. Politico è il suo modo di raccontare le cose, mai, o quasi mai, avulse da una realtà che dal particolare (necessariamente) può, anche arrivare all’universale. Politico è il suo modo di poetare (meglio sarebbe dire narrare, essendo probabilmente Guccini un narratore, non un poeta) strettamente legato ad una forma dubitativa espressa attraverso una velata ironia che è una delle caratteristiche più interessanti di Guccini. Il “ma”, il “forse”, l’”oppure” cui ricorre ampiamente nelle sue canzoni servono a stemperare le sue affermazioni, che, più che tali, sono invece pensieri suscettibili di diverse interpretazioni. Non è certo un caso che Guccini venga oggi studiato nelle scuole come esempio di “poeta” contemporaneo e che gli sia stato conferito nel 1992 il Premio Librex-Guggenheim Eugenio Montale per la sezione “Versi in Musica”. Ha poi deciso di proporsi come scrittore. Il suo primo libro “Croniche Epafaniche”, autunno 1989, è diventato un best-seller. Nell’autunno del 1993 un altro successo letterario, “VACCA D’UN CANE” edito da Feltrinelli. Escono poi per Mondatori: nel 1997 “MACARONI’ ”, nel 1998 “UN DISCO DEI PLATTERS” – nel 2001 “QUESTO SANGUE CHE IMPASTA LA TERRA” e nel 2002 “LO SPIRITO E ALTRI BRIGANTI” scritti con Loriano Macchiavelli. Esce nel novembre 2000 edito da Einaudi il cofanetto libro e video “Parole e Canzoni” con i testi dell’intera produzione discografica dell’artista. Nel 2001 il racconto “La Cena” di Francesco Guccini viene inserito nell’antologia “Racconti Italiani del Novecento” edizione i Meridiani di Mondadori. Nel 2002 le Università di Bologna, Modena e Reggio Emilia conferiscono a Francesco Guccini la laurea ad honorem in Scienze della Formazione. Nel 2003 viene pubblicato “CITTANOVA BLUES” edito da Mondadori, nel 2005 “L’uomo che reggeva il cielo” racconti di montagna dalla libreria Dell’Orsa di Pistoia.