Sono presenti 13639 news.

17/11/2019
THE BEATLES
Per la scienza ''Ob-La-Di, Ob-La-Da'' è la canzone perfetta!

15/11/2019
THE KILLERS
Annunciano il nuovo album ''Imploding the Mirage'' per la prossima primavera

tutte le news


news - rassegna stampa

05/01/2015   PINO DANIELE
  E' morto a nemmeno 60 anni il grandissimo cantautore napoletano

La musica italiana e internazionale perde un grande artista: è morto a Roma Pino Daniele. Il cantautore napoletano, che avrebbe compiuto 60 anni il 19 marzo, è stato stroncato da un infarto. Dopo il malore che lo ha colpito mentre era nella sua villa nelle campagne tra Orbetello e Magliano, in Maremma, Daniele ha deciso di rientrare a Roma, ma il destino si è accanito contro di lui, racconta Francesco, un amico di Pino Daniele. "Sull'Aurelia, la sua auto ha bucato. Alla guida della macchina c'era il suo autista perché lui non guidava. Hanno perso del tempo prezioso". La camera ardente di Pino Daniele all'ospedale Sant'Eugenio di Roma sarà aperta al pubblico in mattinata dalle 8.30 alle 12.30. I funerali del cantautore si svolgeranno mercoledì mattina alle 12 al Santuario del Divino Amore a Roma. Poi il cantante dovrebbe essere sepolto nel cimitero di Talamone, nel comune di Orbetello (Grosseto). Il sindaco di Orbetello, Monica Paffetti, spiega di aver "ricevuto la richiesta da parte della famiglia di Pino Daniele per dare il via libera alla sepoltura nel cimitero di Talamone. E da parte nostra c'è stato subito l'assenso". Pino Daniele era residente nel comune di Orbetello e viveva in una villa nelle campagne tra Orbetello e Magliano, in Maremma. "Ma - sottolinea un portavoce dell'artista - è volontà di tutta la famiglia che Napoli e possa dare un ultimo saluto a Pino. Per questo la città di Napoli si è subito resa disponibile ad ospitare nei prossimi giorni le ceneri dell’artista in un suo luogo simbolo, per ricevere l’ultimo abbraccio dei suoi concittadini". "E' un momento terribile", ha commentato la figlia Sara, che poi su Instagram ha voluto ricordare il padre. Sono convulse, piene di scelte istintive, di incidenti, le ultime ore di vita di Pino Daniele, come le raccontano gli amici, i fratelli, il suo medico di fiducia. Per la sera del 4 gennaio aveva prenotato un tavolo in pizzeria per 7 persone, "ma nel tardo pomeriggio hanno chiamato per disdire e due ragazzi - il figlio della compagna e una figlia del cantante - sono passati a prendere le pizze da portare a casa, intorno alle 20,30". Alle 21.12 del 4 gennaio - dalla casa di Pino Daniele in Maremma, nella campagna tra Magliano e Orbetello, arriva al 118 di Grosseto una chiamata di soccorso. Secondo il responsabile del 118 dell'Asl di Grosseto, Robusto Biagioni, dopo 19 minuti, alle 21.31, l'equipaggio dei soccorritori comunica alla centrale la chiusura dell'intervento e il suo rientro, avendo avuto comunicazione che il paziente stava andando a Roma. Tra le 21.25 e le 21.29 qualcuno dell'equipaggio dell'ambulanza contatta il cellulare che aveva chiamato per il soccorso, chiedendo maggiori precisazioni sull'indirizzo e che venga accesa una luce dalla casa. Dalla Asl si spiega che l'ambulanza non era comunque lontana dall'abitazione del musicista, ma chi ha risposto avrebbe spiegato che il paziente stava andando a Roma. Così l'ambulanza si è fermata ed è tornata indietro. Alle 21.31 la registrazione del rientro. "Pino si e' sentito poco bene a cena a Orbetello, ma si fidava solo del suo cardiologo quindi ha chiesto alla compagna di portarlo a Roma", spiega Michele, un amico. "Ho sentito Pino qualche giorno fa, dopo Capodanno, stava bene", dice Carmine, uno dei fratelli. "Purtroppo in famiglia siamo sei fratelli, tutti cardiopatici - ha aggiunto - Pino voleva farsi visitare dal suo cardiologo di fiducia, il primario di questo ospedale, un amico". "Il primo intoppo è stato non fermarsi all'ospedale di Grosseto. Poteva salvarsi", dice ancora Carmine. E' proprio il suo cardiologo di fiducia, Achille Gaspardone, Direttore UOC di Cardiologia all'Ospedale S. Eugenio di Roma, a ricostruire la dinamica della tragica serata sottolineando alcune incongruenze. "Dopo 30 minuti" dalla richiesta di soccorso per Pino Daniele, spiega, "l'ambulanza non era ancora arrivata", pur confermando che è stata comunque "una espressa volontà dello stesso Pino Daniele farsi portare a Roma, al S. Eugenio". D'altro canto, ha rilevato lo specialista, la sintomatologia che il cantante presentava, poi rivelatasi un infarto, "era molto atipica". Ma non basta: "Il destino si è accanito contro Pinuzzo. Ieri sera nella corsa verso Roma ha anche bucato una ruota dell'auto", rivela Francesco, un altro amico. "E' successo sull'Aurelia - aggiunge - alla guida della macchina c'era il suo autista perché lui non guidava. Hanno perso del tempo prezioso". Intorno alle 22.40 la macchina arriva finalmente al pronto soccorso dell'Ospedale Sant'Eugenio di Roma, ma Pino Daniele non ce la fa. "E' giunto cadavere al Pronto Soccorso dell'Ospedale S. Eugenio di Roma", dice ancora Gaspardone. "Sono state fatte tutte le manovre di rianimazione - ha aggiunto - ma Pino Daniele era già morto". Il premier Renzi: "Una voce incredibile di tutta l'Italia. Ho ancora nelle orecchie la sua musica a Capodanno. Una voce incredibile, quella non solo di Napoli e del Sud, ma di tutta l'Italia, una chitarra preziosa, una sensibilità rara che, con passione e malinconia, continuerà a raccontare in tutto il mondo il nostro Paese". Così il presidente del Consiglio Matteo Renzi, dopo aver appreso la notizia della morte del cantante Pino Daniele. Tanti i messaggi di addio sul web da parte di colleghi e amici, come Eros Ramazzotti e Laura Pausini. "Sono sconvolto: quest'anno abbiamo ricordato i vent'anni dalla scomparsa di Massimo Troisi e ora anche la perdita di Pino è incolmabile". Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ai microfoni di Sky tg24. "Non basta il lutto cittadino - ha annunciato de Magistris - metteremo a punto, con la Giunta, iniziative importanti, grandi e originali perché lui è unico. Fermo qualcosa di adeguato alla sua grandezza". "Pino è in tutti noi - ha concluso il primo cittadino di Napoli - è amato da tutti i napoletani, al di là delle scelte di vita che poi ha fatto. Da adolescente ho incontrato la sua musica e me ne sono innamorato immediatamente. Ha fatto conoscere la Napoli essenziale, ha interpretato Napoli in modo profondo; anche la volontà di rimettere insieme i vecchi amici l'ho trovata straordinaria. L'ho conosciuto personalmente e ho trovato bellissima la volontà di far suonare giovani artisti emergenti". Il primo a dare la tragica notizia sul web è stato l'amico e collega Eros Ramazzotti che, postando una foto del cantante sorridente, ha scritto: "Anche Pino ci ha lasciato. Grande amico mio, ti voglio ricordare con il sorriso mentre io, scrivendo, sto piangendo. Ti vorrò sempre bene perché eri un puro ed una persona vera oltre che un grandissimo artista. Grazie per tutto quello che mi hai dato fratellone, sarai sempre accanto al mio cuore. Ciao Pinuzzo". Dopo il concerto-evento del 1 settembre, Pino Daniele era tornato in tour a dicembre con il live 'Nero a metà': l'11 a Bari (Pala Florio), il 13 a Roma (Palalottomatica), il 16 e il 17 a Napoli (PalaPartenope), il 22 a Milano (Mediolanum Forum Assago). Ad accompagnarlo c'era la band originale del 1980. Il 30 dicembre la straordinaria carriera di Pino Daniele era stata omaggiata da una puntata monografica di 'Canzone' su Rai1. Commuove l'ultimo tweet, che rilancia un post di Facebook, sul profilo ufficiale di Pino Daniele. Risale a tre giorni fa. Il testo è "Back home" In viaggio per casa", con la foto in bianco e nero della strada. (Ansa)