Sono presenti 13274 news.

06/12/2018
MORRISSEY
Annuncia un nuovo disco di cover: ''California Son'' conterrà brani di Bob Dylan, Joni Mitchell e molti altri

05/12/2018
THE SPECIALS
L'album ''Encore'', in uscita l'1 febbraio, sancisce il loro ritorno dopo più di 20 anni, e ritorna pure il cantante Terry Hall

tutte le news


news - rassegna stampa

21/01/2018   LA TOP 20 SINGOLI DEL 2017!
  I migliori brani dell'anno appena trascorso, secondo il nostro ''super redattore'' Manuel Maverna

Carissimi bis, venti canzoni in un anno? Avete presente l’ago, il pagliaio, ecc.? Non starò più a cercare parole che non trovo per dirvi cose vecchie con il vestito nuovo: neppure vi ammorberò con un’altra pappardella come quella che apriva la Top25 degli album. Ah: qui siamo tornati a 20, non protestate. Con buona pace di Andrea Rossi, ci ho infilato pure qualche artista molto noto - nomi internazionali, siore e siori! -, anche se per discrezione li ho lasciati abbastanza in fondo. Chiudo qui: qualsiasi cosa ascolterete su mio consiglio la considererò come una vittoria ed una soddisfazione personale. Sicuro di fare cosa gradita alla band che troneggia al numero 1 di questa classifica, auguro intanto buona estinzione a tutti. Ma nel caso si sbagliassero, ci si vede alla prossima: statemi benone.

Manuel



1. LES FLEURS DES MALADIVES - Homo sapiens
Da Boltzmann a Hawking, un geniale trattatello di fisica teorica in 3 minuti. L'anno che non verrà

2. ALBERTO MOLON - Hanno ragione tutti
Un disco per l'estate: ve lo dico adesso che è gennaio, siete avvisati

3. DISTINTO - Lili d'agosto
Piccolo prodigio di sonorità, ritmo, tecnica, scrittura, vocalità, arrangiamento. Arctic Monkeys? No: 100% Italia

4. STARSICK SYSTEM - I am the hurricane
Metallici, ruvidi, cattivi, a tratti mortiferi. Hanno anche una bassista bellissima. Cosa mi può più interessare?

5. MDGA - Big town
Inno cosmopolita di respiro universale: ogni periferia è uguale alle altre, ogni scarrafone è solo uno scarrafone

6. DEFOLK - Viola
Un padre a sua figlia, con tutto quello che segue. It's only love: e che sia tutto bellissimo, piccola

7. PIPPO POLLINA - Andarsene d'estate
Quale sia l'andarsene sta alla libera interpretazione: ognuno col suo viaggio, sembri pure più dolce anche la morte

8. GLOOM - Souls walk apart
Seguaci di Eldritch e McCoy, rallegriamoci ed in essi esultiamo! Anche la Slovacchia ha un cuore: è di tenebra

9. MICHELE SCERRA - Come glicine
Melodia e poetica ancien régime: merce rara, che vanta innumerevoli tentativi di imitazione. Spesso vani

10. THE SOMNAMBULIST - Transverberate
Una lugubre pulsione, viscerale, ostinata, insistita. Profonda e colta. Elaborata in fogge inusuali, polverizzata, implosiva

11. MIRCO MENNA - Così passiamo
Sciamanico ed inquieto, fra Basile e Capossela. Siamo anime in transito, in una semioscurità color seppia

12. DORIAN GRAY - Dimenticare Burroughs
Filosofia, idealismo, esistenzialismo racchiusi in un gioiellino di tre minuti e mezzo. Immutata classe, da un quarto di secolo

13. LATENTE - Fumare
Nervi scoperti, elettricità sparata a testa bassa guardandosi le scarpe e urlando contro qualcosa. Tutto molto triste: benissimo

14. LCD SOUNDSYSTEM - Call the police
Vabbè, che ve lo dico a fare?

15. SAFFIR GARLAND - Ti mando in Congo
Molto serio, poco faceto: tutti giù per terra, anzi sottoterra. A tempo di marcetta. Satira feroce mascherata da gag

16. GIRLS IN HAWAII - Guinea pig
Con quella faccia un po' così di chi continua a rivedere la stessa scena di disperazione, perdita, ineluttabilità: e poi daccapo…

17. MOJIS - Dog's teeth
La Sorrento che non mi aspettavo. Un riff assassino, anzi due, ma pure tre. Brit? Forse. Una martellata

18. NEW DAY - Painting in the sky
Dai bionda, play it again, anche fosse solo per me. I soliti quattro accordi, e mi raccomando il minore. Tuo fedelissimo, nunc et semper

19. ROBERTA GIALLO - In amore muoio di frontale
La ragazza ha voce da vendere. Non basta: la modula intrigante e flessuosa. Incuriosisce, affascina, attrae, ipnotizza

20. FLAVIO GIURATO - Soundcheck
Babele raccontata dal più singolare dei bardi: voci, odori, aria stantia, nove minuti che soffocano come fumo nero in gola