Sono presenti 13603 news.

23/10/2019
LUCIO DALLA
''Lucio Dalla - Legacy Edition'': a 40 anni di distanza torna nei negozi il capolavoro dell'artista bolognese

23/10/2019
CESARE CREMONINI
Uscirà ‪il 29 novembre‬‬‬‬‬‬‬‬ ''Cremonini 2C2C The Best Of'', raccolta con 6 brani inediti ed infinite rarità

tutte le news


news - rassegna stampa

05/02/2019   JAMES BROWN
  La Cnn solleva dubbi sulle cause della morte, mistero anche sulla fine della terza moglie

Uno speciale della CNN sta cercando di far luce sulla morte di James Brown, avvenuta nel giorno di Natale del 2006. Il report, dal titolo ''The Circus Singer and the Godfather of Soul'', che verrà mandato in onda in tre parti ed è frutto di due anni di indagini da parte della testata – con interviste a circa 140 testimoni – sostiene che almeno 13 persone vorrebbero che si facesse un’autopsia sul cadavere del Re del Soul. Tra queste, il Dr. Marvin Crawford, che firmò il certificato di morte dell’artista avvenuta in un ospedale di Atlanta. Il medico ha affermato che non ha mai creduto che Brown fosse morto di cause naturali: «Le sue condizioni cambiarono troppo in fretta. Era un paziente che non avrei mai creduto potesse andare in arresto cardiaco, ma morì quella notte, e io mi sono fatto una domanda: cos’è andato storto in quella camera?». Ufficialmente James Brown morì, all’età di 73 anni, per un infarto e per presenza di acqua nei polmoni, ma oggi il suo manager, la sua ex moglie, suo figlio e diversi amici dell’artista pongono seri interrogativi sul suo decesso, interrogativi che potranno essere risolti solo con un’autopsia e nuove indagini forensi. All’epoca, la polizia non aprì alcuna indagine sul decesso, anche se Crawford – come spiega la CNN – raccomandò di eseguire un’autopsia sul cadavere, ma la figlia del cantante, Yamma, non volle. Contattata dalla stessa CNN, la donna non avrebbe dato spiegazioni sulla circostanza. Non solo. Nella serie si indaga anche sulla morte nel 1996 di Adrienne Brown, la terza moglie di James Brown, avvenuta in seguito a un’operazione di chirurgia plastica. Nonostante le autorità non abbiano mai riscontrato elementi dolosi nel suo decesso, un amico sostiene che sia stata assassinata. Un detective, oggi in pensione, che investigò sulla morte della donna avrebbe mostrato alla CNN alcuni documenti che sostiene aver ricevuto da un informatore nel 2001. In quelle pagine l’informatore sosterrebbe che un dottore gli confessò di aver ucciso la Brown con una overdose letale di farmaci. Contattato anche lui dalla CNN, il dottore – tuttavia – avrebbe negato le accuse. L’indagine della CNN ha preso le mosse dalle dichiarazioni di una cantante di nome Jacque Hollander, la quale due anni fa contattò un reporter della testata sostenendo di avere informazioni riguardo alla morte di James Brown. La donna, già nota alle cronache per le sue dichiarazioni in merito a questa storia, collaborò con lo stesso musicista negli anni ’80 e in seguito lo accusò di averla stuprata. Dopo quell’incidente, avvenuto nel 1988, la Hollander avrebbe iniziato a raccogliere documenti e nastri per i successivi tre decenni, tutto materiale al vaglio della CNN che ora apre uno squarcio di luce su una faccenda dai lati oggettivamente oscuri. (SentireAscoltare)