Sono presenti 13432 news.

23/05/2019
ZUCCHERO
Arriva ''Oro incenso & birra 30th anniversary'': l'album dei record torna in una nuova veste arricchita

21/05/2019
NOMADI
Il 31 maggio uscirà ''Milleanni'', il nuovo concept album con una versione inedita di ''Ma Noi No'' cantata da Augusto Daolio

tutte le news


news - rassegna stampa

27/02/2019   TALK TALK
  E' morto a soli 64 anni il leader e fondatore Mark Hollis, mistero sulle cause

E' morto Mark Hollis, il leader dei TALK TALK. Il cantante aveva 64 anni. La notizia della morte è riportata dai magazine inglesi ma non ci sono state conferme ufficiale, così come non si conoscono le circostanze del decesso. I Talk Talk sono una delle band di riferimento degli anni ottanta, I loro più grandi successi sono stati “It’s My Life” e “Such a Shame”. Hollis, dopo lo scioglimento della band, nel ’91, aveva pubblicato un album solista nel 1998 prima di ritirarsi dalle scene. Così Mark si è dimostrato un ''alieno'' anche in morte. Così come la sua carriera, dopo la fine dei Talk Talk, è proseguita dietro le quinte, sottotraccia, anche il decesso del musicista inglese è stato circondato da un muro di silenzio. Così mentre sui social proseguiva un'incessante pioggia di messaggi di cordoglio e di affetto, da parte dei colleghi musicisti, dei fan e anche degli ex-compagni dei Talk Talk, la notizia ufficiale della sua morte non è mai arrivata. Solo il manager si è lasciato sfuggire il riferimento ad un breve malattia senza specificare altro. Nessun dispaccio d'agenzia, nessuna motivazione ufficiale sulle cause del decesso del sessantaquattrenne cantante di Tottenham, Londra. Né i familiari, né gli amici hanno voluto violare questa coltre di silenzio che ha avvolto l'imprevedibile epilogo di una vita speciale, vissuta sempre lontano dai riflettori, persino durante il periodo della massima fama, legata all'album ''It's My Life'' e alle sue hit. Stride, nell'era del chiasso quotidiano da social network, questo assordante silenzio. Stride a tal punto che c'è chi, proprio in Rete, ha iniziato ad alimentare sospetti, perfino il suicidio. Ma sono i rischi che comportano scelte difficili e rigorose come questa. Chi ha amato i Talk Talk immagina già Hollis ''Living in another world'', perso nel suo mondo speciale, come quello raccontato in uno dei suoi brani più spirituali, ''The Ascension Day''. Una morte silenziosa e senza motivazioni ufficiali: la fine più anticonvenzionale per un (anti) divo del pop. (Leggo.it)