Sono presenti 15452 news.

20/07/2024
JACK WHITE
L'ex White Stripes pubblica a sorpresa un nuovo album solista, intitolato... ''No name''

20/07/2024
BRUCE SPRINGSTEEN
A 74 anni entra ufficialmente tra i miliardari di Forbes, il suo patrimonio è valutato in 1,1 miliardi di dollari

tutte le news


news - rassegna stampa

06/07/2024   KING CRIMSON
  Il 6 settembre uscirà in doppio vinile e cd ''Sheltering Skies Live'', album dal vivo registrato nel 1982

Esce un nuovo concerto dal vivo dei King Crimson. Il live, registrato mentre Fripp e soci erano in tour in Europa con gli allora compagni di etichetta Roxy Music a supporto dell'album “Beat”, risale al 1982 e si intitola “ShelteringSkies (Live in Fréjus, August 27th 1982)”. All'epoca l'organico della band inglese era composto da Robert Fripp (organo e voce), Bill Bruford (batteria), Tony Levin (basso) e Adrian Belew (chitarra e voce). Il disco, che uscirà il prossimo 6 settembre, sarà edito su doppio vinile e su cd. Si tratta di una registrazione che all'epoca venne realizzata per una uscita in video. Si tratta anche della prima volta che un album dal vivo dei King Crimson degli anni '80 viene pubblicato su vinile. “Sheltering Skies (Live in Fréjus, August 27th 1982)” è stampato su vinile da 200 grammi con copertina apribile o su cd singolo, ed è completato dall'aggiunta della registrazione di "The Sheltering Sky" dal concerto della sera precedente a Cap d'Agde, sempre in Francia. A corredo del tutto vi sono le note di copertina del biografo dei King Crimson Sid Smith.

L'uscita si inserisce in un ritrovato interesse generale per la produzione anni '80 dei King Crimson. E' stata infatti annunciata di recente la formazione di un vero e proprio supergruppo, con ex-musicisti della band prog britannica e mostri sacri del rock devoti alla loro musica di quel periodo, sintetizzata in tre formidabili album, che traghettarono la band inglese fuori dai lidi del prog, proiettandola verso un’avveniristica fusione di art rock e new wave. Il gruppo all star è stato assemblato dal cantante e chitarrista Adrian Belew proprio per celebrare e riproporre il trittico di album dei King Crimson che lo hanno visto protagonista negli 80's: “Discipline” (1981), “Beat” (1982), “Three Of A Perfect Pair” (1984). Il tour - e anche il gruppo - si chiamerà Beat e vedrà sul palco Steve Vai alla chitarra, Tony Levin al basso (musicista originario di quegli album) e la batteria di Danny Carey dei Tool. La super-band nasce con l’approvazione e il totale supporto di Robert Fripp, chitarrista e sovrano assoluto dei King Crimson in tutte le fasi della loro gloriosa carriera.

È stato proprio Fripp ad annunciare sulle sue pagine social la nascita di questa band di cui, si è fregiato anche di aver suggerito il nome Beat. Non solo, circa il fatto che le sue visionarie geometrie chitarristiche verranno affidate al virtuoso per antonomasia Steve Vai (Frank Zappa, Pil, Whitesnake, David Lee Roth), Fripp ha dichiarato: “Ne ho parlato proprio con lo stesso Steve Vai che ho recentemente incontrato alle presentazione del mio ciclo di appuntamenti Englishmen Abroad a Santa Monica. Non ho potuto fare altro che dirgli che ritengo lui sia l’unico chitarrista in grado di poter eseguire le mie parti”. All’epoca il gruppo era formato da Robert Fripp, Adrian Belew, Tony Levin e Bill Bruford. La band si esibirà in tour negli Stati Uniti. La setlist sarà scelta da Belew e prevederà 14 pezzi tratti dai tre album. “Tutto il catalogo dei Crimson è speciale, ma non c’è mai stata una band come i King Crimson anni 80, né prima né dopo – ha commentato Belew - Era una tempesta perfetta, un suono ricco e complesso, ma accessibile. Intenso e allo stesso tempo giocoso. Suonavamo spesso in più tempi e usavamo le ultime tecnologie: chitarre-synth, batteria elettronica, Chapman Stick. Non si era mai sentito nulla di simile. Molti mi hanno detto che il quartetto anni 80 dei Crimson ha cambiato loro la vita”. “È musica che ha un significato profondo per me - spiega Steve Vai in una nota - Adrian, Tony e Danny sono musicisti unici con una capacità intuitiva che ha dell’incredibile nel rendere accessibili musiche complesse”.