Sono presenti 15344 news.

18/04/2024
ALLMAN BROTHERS BAND
E' morto il chitarrista e co-fondatore della band Dickey Betts

17/04/2024
PIER GONELLA
Il chitarrista e produttore italiano è ufficialmente entrato nel Guinness dei Primati per aver pubblicato il maggior numero di album

tutte le news


news - rassegna stampa

04/07/2009   KHORAKHANE'
  La band ritorna con un nuovo singolo scritto da Massimo Bubola

Gruppo rivelazione del 2007 al 57° Festival di Sanremo, secondo premio della critica nella sezione giovani, premio MEI come miglior gruppo 2007 Indie POP e molti altri riconoscimenti, tornano i Khorakhanè, nati nel 2001 come tribute band a Fabrizio de André sviluppando però parallelamente un repertorio di brani originali. “La ballata di Gino”, primo album dei Khorakhanè contenente l’omonimo brano presentato al Festival di Sanremo, è uscito nel marzo 2007. Nell'estate 2008 hanno fatto uscire un nuovo singolo contenente due brani: “Svalutation”, cover del celebre brano di Adriano Celentano, ed un inedito, “Canzone per me”. “5 monete d’oro” è il loro nuovo singolo, che anticipa il secondo album previsto per fine estate e che sarà intitolato "L'Esploratore". Il brano è scritto dal grande Massimo Bubola, storico cantautore e, soprattutto, co-autore di tanti brani di Fabrizio De Andrè e autore per altri artisti (da ricordare “Il cielo di Irlanda”, portato al successo da Fiorella Mannoia), con cui il gruppo ha avuto modo di esibirsi live in più occasioni. "Questa ballata è un apologo sul distacco", spiega lo stesso Bubola. "Un padre lascia partire la figlia e le dona 5 monete d'oro per il suo cammino alla vita. Ogni moneta ha un simbolo e ad ogni simbolo corrisponde un passaggio, una rivelazione nel mistero della vita. C'è quindi la moneta con la sirena per il traghettatore del fiume in piena, c'è quella con il falco e la scimitarra per salvarsi dai pericoli del mondo, ed infine l'ultima per ritornare a casa". La ballata s'inquadra quindi alla perfezione nella produzione di Massimo Bubola, che ha ed ha sempre avuto un occhio al surreale ed uno alla tradizione popolare, con precedenti come ''Entrambi'' e ''Voltalacarta'', scritta da Bubola con De Andrè.