Sono presenti 13991 news.

28/10/2020
ZUCCHERO FORNACIARI
In arrivo ''D.O.C. Deluxe'', doppio CD con tutte le canzoni di ''D.O.C.'' più 6 inediti tra cui un duetto con Sting

27/10/2020
PORCUPINE TREE
Arriva ''The Delerium Years'', cofanetto deluxe con 13 CD limited edition in uscita il 20 novembre

tutte le news


news - rassegna stampa

15/01/2013   TOM WAITS
  Esce 'Waits/Corbijn 77-11', un libro fotografico in edizione limitata con oltre 200 ritratti

Nel 1977 s’intrecciavano per la prima volte due carriere destinate ad avere molto in comune e ad alimentarsi l’un l’altra: quella di Anton Corbijn, allora alle prime armi e poi divenuto uno dei più celebri fotografi al mondo, specializzato nei ritratti dei grandi divi del rock, del cinema e dell’arte, e quella di un Tom Waits che già allora era un nome noto nel mondo della musica internazionale. E s’intitola proprio “Waits/Corbijn ’77-11” un libro fotografico in edizione limitata edita dal tedesco Schirmer-Mosel che raccoglie oltre 200 pagine di ritratti scattati da Corbijn nell’arco di 4 decadi e di oltre 50 pagine di riflessioni e fotografie scattate dallo stesso Waits in passato. Il libro verrà pubblicato in sole 6600 copie che saranno in vendita a partire dall’8 maggio prossimo, e conterà su una prefazione firmata da Jim Jarmush e Robert Christgau. “Anton prende su una piccola scatola nera, la punta verso di te e tutte le foglie cadono dagli alberi”, ha detto Waits. “Le ombre ora solo lunghe e spaventose, la casa sembra completamente abbandonata e assomiglio ad un affascinante… becchino. Amo lavorare con Anton, è uno con un vero punto di vista. Credetemi, non salterei dalle rocce con indosso solo un mantello da Dracula per chiunque”. “È raro fotografare la stessa persona in un arco di tempo di oltre trent’anni”, commenta Corbijn. “Il nostro lavoro assieme si è sviluppato in maniera totalmente organica e questo è già garanzia di bellezza. Siamo molto seri riguardo il nostro lavoro, ma quando si tratta di lavorare assieme, siamo come ragazzini che resistono alla maturità. È liberatorio, una droga legale e necessaria”. (Comingsoon.it)