recensioni dischi
   torna all'elenco


MARK KNOPFLER & EMMYLOU HARRIS  "All the roadrunning"
   (2006 )

Quando si dice la costanza. Le leggenda (o la realtà raccontata, spesso le due cose collimano) racconta che i due musicisti sognassero di coronare il sogno di realizzare quest'album dalla bellezza di sette anni. Si sono conosciuti (sempre leggenda o realtà, fate un po' voi) in occasione di un programma tv dedicato a Chet Atkins, e ciò che pareva la pazzia di una serata insieme, con gli anni, pareva divenire quasi un'ossessione. Emmylou nel frattempo aveva cantato per Knopfler in “Sailing to Philadelphia” (2000): ed a quelle session risalgono anche due canzoni di questo disco. Da ultimo successe che “All the roadrunning”, brano che ora da' il titolo all'intero lavoro, fu piazzata in fondo a “Private investigations”, la doppia antologia di Knopfler con e senza Dire Straits uscita qualche mese fa. E poi, finalmente, fu il disco. Il sogno di entrambi, sempre secondo leggenda o realtà. “Mi sentivo come Ginger Rogers a fianco di Fred Astaire” ha spiegato ridendo Emmylou. E noi a bearci di ciò che ne è venuto fuori, dall'incontro di questi 2 fuoriclasse. Che Dio ce li preservi. (Andrea Rossi)