recensioni dischi
   torna all'elenco


THE JIM JONES REVUE  "The savage heart"
   (2012 )

Sono la band che meglio ha saputo incarnare il vero spirito del rock'n'roll, e dal vivo sono di una potenza devastante, scomodando paragoni importanti con Jon Spencer Blues Explosion. La rivista inglese Mojo li ha definiti "la pi grande rock'n'roll band attualmente esistente al mondo"! I Jim Jones Revue pubblicano il loro atteso terzo album dal titolo "The Savage Heart", pubblicato da Play It Again Sam/Punk Rock Blues Records e distribuito da Pias/Self per l'Italia. "The Savage Heart" trasporta il suono dei The Jim Jones Revue in territori finora inesplorati, facendo esplodere il ritmo del rock'n'roll nel cuore di tenebra di ritmi tribali, gospel, canti a cappella e addirittura indimenticabili ballate doo-wop! E' una visione rinnovata ed espansa della band, che viene da questo album, una pi ampia gamma di suoni e testi dal valore sociale. "Sebbene il gruppo continui a tenere sott'occhio le radici del rock'n'roll, non sarebbe possibile per noi tornare indietro sui nostri passi", dichiara Jim Jones. "Per me e la band l'unica aspirazione andare sempre avanti, evolverci". Uno dei principali contribuit al suono vigoroso trasmesso da "The Savage Heart" proviene dal nuovo tastierista Henri Herbert, che riuscito ad espandere il vocabolario tastierico dei Jim Jones Revue attingendo non solo a Jerry Lee Lewis e Little Richard, ma traendo spunto da classici come Otis Spann, Pete Johnson e Albert Ammons. Rupert lo definisce "Il Professore del Pianoforte. Dotato di una conoscenza dello strumento stupefacente, che stata in grado di ridefinire completamente il nostro approccio alla musica della band". Nello stesso ruolo di ispiratore di nuovi elementi giunto Jim Abbins a mixare l'album (gi dietro la console per Arctic Monkeys e DJ Shadow) all'interno della Elephant and Castle's The Engine Room, e con lui Nick Lowe (indicato nell'album come "consigliere spirituale"), presentatosi un giorno durante le prove per suonare con la band. "E' stato un onore per noi ascoltare le idee e i consiglie di Nick Lowe riguardo l'album", ha dichiarato Rupert.