recensioni dischi
   torna all'elenco


1982  "Chromola"
   (2017 )

Cercando informazioni in rete sul trio norvegese chiamato "1982", si trovano soprattutto dati provenienti da siti che trattano di jazz. Ed in effetti le performance di Nils ěkland, Sigbj°rn Apeland e ěyvind Skarb° sono tutte basate sull'improvvisazione simultanea dei loro strumenti; tuttavia i riferimenti musicali sono da ricercare pi¨ nella musica eurocolta novecentesca. L'album "Chromola" celebra il decennio di attivitÓ della formazione, e presenta i caratteristici titoli che corrispondono alla durata dei pezzi: "06:19", "06:37" eccetera. Il progetto Ŕ guidato dal batterista Skarb°, che ha scelto come titolo del disco il suo anno di nascita; gli altri due componenti sono rispettivamente del '61 e del '66. ěkland suona un particolare violino tradizionale della Norvegia, che si chiama Hardanger Fiddle, mentre Apeland Ŕ un organista; lo strumento che normalmente utilizza nel trio Ŕ l'harmonium, ma in questo caso nell'album "Chromola" esso compare solo nella settima ed ultima traccia, mentre nelle altre ha scelto l'organo a canne. Nonostante la scelta di questo strumento, solitamente legato alla liturgia religiosa, qui l'atmosfera che crea sfiora il prog minimalista. Il violinista improvvisa su scale orientali e talvolta vira sul blues, specie quando l'organista gli prepara delle armonie di settima e nona ("04:03"); ma il fiddle a volte esplora le proprie possibilitÓ rumorose alternate anche a dei pizzicato bartokiani, come su "04:45", dove l'organista si scatena, creando dei cluster brevissimi che sembrano la trasmissione di input nei circuiti, e verso la fine ottiene pure dei glissati. La sua attitudine ricorda quella richiesta per eseguire "Volumina" di Ligeti, una composizione per organo appunto basata su cluster in cui bisogna essere in tre persone (uno seduto a suonare con entrambe le mani, e due a tirare i registri). Anche il batterista sperimenta: a volte la sua firma jazz Ŕ pi¨ riconoscibile come in "07:56", ma in "07:00" le percussioni che usa ricordano attrezzi di lavoro, e la sua condotta, anzichÚ essere ritmica, si avvicina a esempi di teatro musicale, come "Experimentum Mundi" di Giorgio Battistelli; in "04:09" sembra addirittura ottenere un fruscio con dei fogli di carta. Come descrivere questa musica? Si pu˛ solo ascoltare, e apprezzare l'estrema originalitÓ del progetto, dove i tre membri creano un'unitÓ riconoscibile e sorprendente. (Gilberto Ongaro)