Sono presenti 593 interviste.

30/09/2020
FEMMINA
''Siamo tutti sulla stessa barca, perché tutti conviviamo ogni giorno con le nostre fragilità...''

30/09/2020
DEVILSOFMUSIC
''A contatto con il pubblico ritrovi te stesso e capisci che quello è il tuo posto...''

tutte le interviste


interviste

06/08/2020   SIGNOR D
  ''Il rap come forma d'arte e come strumento per esprimersi, politicamente e socialmente...''

Si chiama “La testa” il nuovo singolo del Signor D, rapper originario di Battipaglia (Salerno), con una lunga carriera alle spalle e con un disco, “Back to the Old School Sound”, in arrivo a breve. Gli abbiamo rivolto qualche domanda.

Partiamo dalle presentazioni: chi è il Signor D? ''Signor D è un rapper indipendente dell'86, che fa questo da ben 18 anni ed ha sempre avuto chiara la sua strada già dalle prime barre, che insiste e crede fortemente a quello che fa e al rap come forma d'arte e come strumento per esprimersi come persona, politicamente e socialmente''.

“La testa” è il tuo nuovo singolo: ci racconti come nasce? ''Il testo è nato grazie a tutto ciò che mi hanno detto le persone dopo il mio vecchio album ''Crisalide'', mi continuavano sommariamente a dire che serviva un rapper come me nella scena, con la mia attitudine, ed allora ho voluto presentarmi così nel nuovo album, una sorta di conferma che anche stavolta continuo ad essere me stesso e ad usare la mia testa, quella che in molti hanno cercato di cambiare... ma penso non ce la faranno mai''.

C’è una certa voglia di ritorno all’hip hop delle origini nel tuo brano. Che ne pensi della trap e delle ultime svolte dell’hip hop? ''Il mio pensiero sulla trap non è per niente negativo, ognuno se ha piacere di fare questo genere deve farlo, però, appunto, deve farlo per passione vera, non perché ora è la musica del momento. L'unica cosa che mi dispiace è che, personalmente, non vorrei che fosse questo il genere più seguito, ma solo per i contenuti, perché non lo vedo un genere che comunica argomenti importanti con cui innamorarsi ed emozionarsi. Cosa che invece il rap delle origini fa''.

Il tuo ultimo disco, “Crisalide”, è del 2019. Ti ha riservato le soddisfazioni che ti aspettavi? ''In tutta onestà, sono andato oltre le mie aspettative, come pubblico e per gli splendidi commenti che mi hanno fatto: ho segnato con un pennarello indelebile in me questo "grazie a te sono tornato ad ascoltare la musica Hip hop e ad avere una speranza", e poi perché ho scoperto che anche gli artisti che ascolto e che per me sono idoli mi hanno conosciuto e seguito, e alcuni di loro hanno deciso di collaborare in questo nuovo album''.

Che cosa ci riserva il futuro del Signor D? ''Quello più imminente che posso dirvi è che a settembre uscirà il secondo singolo con la collaborazione di un pioniere del rap, cioè Kento. Poi, se tutto va come deve, magari ci risentiamo e vi dirò se riesco a realizzare il vero sogno della mia carriera, vi dico che manca poco!''.

Signor D · La Testa