Sono presenti 13528 news.

14/08/2019
MOTORHEAD
Il chitarrista della band Phil Campbell pubblicherà il suo primo disco solista, ''Old Lions Still Roar'', il 25 ottobre

05/08/2019
GIANNA NANNINI
Il 15 novembre uscirà ''La differenza'', il suo nuovo ed attesissimo album di inediti

tutte le news


news - rassegna stampa

16/07/2017   RAP ITALIANO: ANALISI DI UN FENOMENO
  Piaccia o meno, ormai non ci sono dubbi: la musica del momento è questa

Sono appena usciti i rilevamenti delle vendite relativi ai primi 6 mesi del corrente anno 2017 e, al di là del sorprendente esordio dell'ultimo vincitore di ''Amici'' Riki (il suo album è infatti, contro tutte le previsioni, alla n.1 del primo semestre '17, ottenuta in sole 6 settimane!), il vero dato pregnante del periodo gennaio-giugno è la sostanziale conferma di ciò che le charts degli scorsi anni avevano fatto, solo, immaginare: ovvero, la quasi totale acquisizione del mercato tricolore da parte del nuovo rap italiano. Mentre le classifiche degli ultimi anni avevano solo fatto intravedere il fenomeno (abbastanza sporadici, infatti, erano parsi gli exploit di Salmo, Fedez, Marracash, J-Ax, Emis Killa, Gué Pequeno e pochi altri), il suindicato periodo ha invece esplicitato senza tema di smentite come, ormai, si possa parlare di un fenomeno acquisito, altro che exploit sporadici. Alle spalle del suddetto Riki e del suo ''PERDO LE PAROLE'' (piaccia o non piaccia, complimenti a lui, pochi davvero ci avevano scommesso...), troviamo infatti, come secondo album più venduto del semestre, ''COMUNISTI COL ROLEX'' di J-Ax & Fedez, duo che, come Marracash & Gué Pequeno lo scorso anno, mettendosi in coppia ha non solo raddoppiato l'audience ma addirittura ampliato la propria fan base, ottenendo quindi ben di più della mera somma dei supporter dell'uno e dell'altro: ci poteva stare, in fondo, i prodromi di un tale successo erano facilmente identificabili. Ben più sorprendenti, invece, sono stati i dati a seguire: ''FENOMENO'' di Fabri Fibra è il disco n.11 tra i più venduti del semestre (non dimentichiamo che, in tanti, avevano precedentemente cantanto il ''de profundis'' per il rapper di Senigallia, dopo il flop del precedente disco ''Squallor''), mentre ''ALBUM'' di Ghali è alla n.13 (e ottenuto in sole 5 settimane!), poi a seguire troviamo, in rapida successione, Izi, Dark Polo Gang, Lowlow, Marracash & Gué Pequeno (dopo oltre 1 anno il loro ''SANTERIA'' è ancora in classifica!), Tedua, Clementino, Coez, Nitro, Achille Lauro, Sfera Ebbasta, Mecna, Lazza, Rkomi, Capo Plaza, Laioung, Entics, Jake La Furia, Jesto, Ketama126, Gemello, Vegas Jones, Gemitaiz, Shade, Rocco Hunt, Luchè, Salmo (idem come sopra: il suo ''HELLVISBACK'' ha superato le 75 settimane consecutive di charts!)... Insomma, siamo davanti ad un fenomeno consolidato ed in continua espansione. Le ragioni della sorprendente portata di un tale avvenimento sono tante, e forse non ha nemmeno troppo senso perdere tempo ad analizzarle. Occorre, invece, cominciare a prendere molto sul serio il movimento in oggetto, senza distanze né nasi storti. Forse esagera chi definisce i giovani rapper tricolori ''i nuovi poeti della musica italiana'' (paragonare Gemitaiz o Tedua a De André, come qualcuno ha impropriamente fatto, è un'ovvia forzatura...), ma ormai la portata di questo fenomeno è incontrovertibile ed innegabile. E che i giovanissimi dello Stivale, invece che inseguire boy band o similari (vedi One Direction & friends), seguano qualcosa di smaccatamente tricolore, in fondo, è positivo anche per chi mai e poi mai ascolterebbe le rime di Coex o Lazza. Meditate, gente, meditate...