Sono presenti 13799 news.

23/05/2020
MORY KANTE'
Il cantante della Guinea, celebre per la hit ''Yeke yeke'' del 1988, è morto all'età di 70 anni

21/05/2020
ERIC CLAPTON
Per il 20° anniversario ripubblicherà ''Riding with the king'' (con B.B.King) con due brani inediti

tutte le news


news - rassegna stampa

30/03/2011   ZUCCHERO FORNACIARI
  Il tour europeo parte con numeri da record

Roncocesi chiama Europa. E l'Europa risponde: 25 mila biglietti già venduti a Zurigo (dove il 9 e 10 maggio prossimi si apre il tour nel Vecchio Continente), 14 mila in Belgio, 10 mila a Rotterdam, Monaco e Berlino, sold out alla Royal Albert Hall di Londra. Sulla scia di un disco - considerati i tempi - decisamente fortunato (a cinque mesi dall'uscita "Chocabeck" ha superato il mezzo milione di copie in Europa, 220 mila quelle vendute in Italia) Zucchero prepara un tour che, tre anni dopo il precedente, sembra nascere sotto una buona stella: tanto buona che alle cinque date già annunciate a giugno all'Arena di Verona (50 mila biglietti, precisa il promoter Ferdinando Salzano, si sono già volatilizzati, e tra questi 25 mila "Sugarcard" che danno accesso a una serie di agevolazioni in tema di trasporti, parcheggi, hotel e ristoranti) se ne aggiungeranno altre due il 24 e 25 settembre, mentre tra luglio e agosto il soul man della "Lunisiana" farà altri 9 concerti in patria, sparsi tra località turistiche e quelli che lui ama definire "beautiful places" (piazze, ville, teatri e anfiteatri, tra la Villa Manin di Codroipo e il Teatro Antico di Taormina). "Sono già tre mesi che ci prepariamo e come al solito sono entrato in fibrillazione", confessa Adelmo a tavola, resistendo stoicamente a salumi, cotechini e risotti per recuperare il peso forma . "Ogni volta che si avvicina un nuovo tour entro in crisi. Sto troppo bene a casa mia, ma una volta che ricomincio a girare non smetterei più. E' la solita pena". Intanto non vuole svelare troppi particolari sul concerto: "Però vi posso dire che trasporterò sul palco il 'concept' di 'Chocabeck': il 'suono della domenica', l'atmosfera della festa di paese. Dove si balla e ci si diverte: dove c'è energia e calore che si espande nell'aria. E' quello il suono che ho in testa in questo momento. Così anche i vecchi successi verranno riarrangiati secondo quello stile: mi sento più Adelmo che Zucchero, oggi, e sono in pace con me stesso. Riprenderò anche vecchi pezzi come 'Donne', che non faccio da quando la cantavo sulle basi preregistrate... La mia idea sarebbe di dedicare tutta la prima parte del concerto al nuovo disco, rispettandone la scaletta e la compattezza, e di lasciare i vecchi successi in fondo dopo un cambio di scenografia. Ma non so ancora se sarà possibile". Di certo, anche stavolta non baderà a spese, con una produzione importante e adeguata alle aspettative. "Per questo", scherza, "ho già cambiato cinque manager. Si stufano tutti di non ricavare un quattrino dai miei tour! Per quello di 'Fly' sul palco eravamo in sei, stavolta saremo in dodici (in line up anche musicisti internazionali top come David Sancious alle tastiere e Polo Jones al basso), con archi e fiati, e strumenti che dal vivo non ho mai usato prima come il bassotuba e il corno francese. Tutto questo, ovviamente, ha un costo. Io conservo le saponette da un hotel all'altro", ridacchia Zucchero, "i miei musicisti no: scialano a spese mie. Scherzi a parte", aggiunge, "ho verificato che il mio pubblico mi assomiglia in tutto: chi viene a vedermi non ama solo mangiare e bere bene, stare in compagnia e fare l'asino. Non gli basta esserci, al concerto. Giustamente, pretende anche di vedere e sentire bene. L'Arena, per questo, è un posto unico al mondo". E che ben si presta alla presenza di ospiti speciali... "Per esperienza, so che quando provo a pianificare qualcosa poi non succede. Le cose migliori nascono quando meno te lo aspetti. Quando sono in tour, per non annoiarmi qualche telefonata agli amici la faccio. E in effetti sarebbe bello averne qualcuno sul palco dell'Arena (magari il 25, giorno del suo compleanno). In ogni caso non voglio anticipare nulla, sarà una sorpresa". E all'estero? "Quando ho conosciuto Eric Clapton", ricorda "Sugar", "mi dicevo che non sarei mai riuscito a riempire le arene come lui. A fare un sold out alla Royal Albert Hall. Ci sono arrivato a cinquantacinque anni: sono un contadino, ho seminato per tanto tempo senza sapere quando e quanto avrei raccolto. Clapton e Miles Davis insistevano che cantassi in italiano anche fuori dall'Italia, dicevano che la cosa mi rendeva unico. E avevano ragione, farò proprio così". Anche se è in preparazione una versione angloamericana di "Chocabeck" che, spiega l'ad di Universal Music Alessandro Massara, uscirà a cavallo dell'estate sulla prestigiosa etichetta Decca. "Siccome ho già a disposizione i testi firmati da Bono, Iggy Pop e Roland Orzabal avremo solo tre canzoni cantate in italiano", precisa Zucchero: " 'Soldati nella mia città', 'Oltre le rive' e 'Un soffio caldo", il nuovo singolo co-firmato da Francesco Guccini che è attualmente in rotazione in radio. "Negli Usa", anticipa Adelmo, "ci andrò ad ottobre, iniziando dalla Costa Est e dal Canada. Nel 2012 sarò sulla West Coast, poi in Sud America e in Australia, prima di riprendere in autunno il giro europeo nei teatri". Un vero, infaticabile globe trotter che ha ancora voglia di fare festa (meglio se di paese...). "Vedo i telegiornali, quando posso. Mi rendo conto di quel che succede, e sono preoccupato come tutti. Ma credo, e spero, che il momento di rinunciare a divertirsi non sia ancora arrivato". (Musica Italiana)