Sono presenti 1271 interviste.

19/04/2024
ETTA
''Esporti come artista ti connette ad una parte interiore molto intima e sensibile, che può essere minata da chiunque...''

18/04/2024
SONIA VETTORATO
''Siamo un Paese estremamente arretrato in fatto di cultura musicale, e c’è poco rispetto per la figura del musicista...''

tutte le interviste


interviste

21/04/2023   CANOSTRA
  ''Il luogo dove sentirsi al sicuro nella propria comodità e intimità, ma anche in compagnia delle proprie incertezze...''

E' uscito venerdì 14 aprile 2023 "Fermo immagine", il nuovo singolo dei Canostra. Un secondo capitolo musicale da ascoltare lentamente, un brano con cui la band veronese anticipa l'uscita del suo primo EP accompagnandoci in un viaggio tra ricordi evanescenti e attimi cristallizzati in uno spazio-tempo indefinito.

Perché proprio “Canostra”? ''Volevamo un nome che potesse rappresentare l’intimità, la parte più personale di noi, che viene indagata e raccontata nei brani, ma anche l’universalità che caratterizza questi concetti e queste esperienze. Canostra vuole essere quel luogo dove sentirsi al sicuro nella propria comodità e intimità, ma anche in compagnia delle proprie incertezze, riflessioni più profonde ed esistenziali. Dove non c’è paura di sentirsi vulnerabili perché siamo tutti accomunati dalla stessa storia di fondo''.

Come è nata l’ispirazione per il vostro ultimo singolo? ''Fermo immagine è nata in penombra, scritta al pianoforte. Racconta di un’esperienza estraniante e profonda: quella sensazione di immergersi completamente in un ricordo, in un pensiero, magari fissando una foto o qualcosa che abbiamo letto. In quegli istanti la mente è in grado di viaggiare lontano al punto da congelare il presente, come se lo spazio e il tempo diventassero indefiniti. Nella realtà è questione di un istante: nel momento in cui lo sguardo si distrae e sbattiamo le palpebre il tempo torna a scorrere normalmente''.

Che cosa ascoltate quando non siete impegnati nella creazione di nuovi pezzi? ''I nostri ascolti più frequenti si rivolgono alla scena alternative britannica di gruppi come Radiohead, Foals, Editors, The National, Alt-j. Il nostro sound prende sicuramente ispirazione da questo filone. Della scena italiana ci piacciono molto cantautori contemporanei come Andrea Laszlo de Simone, Vasco Brondi, Colapesce, Fabi, Giorgio Poi e gruppi alternative come i Marlene Kuntz e i Verdena''.

Che cosa possiamo aspettarci dal futuro dei Canostra? ''Nel prossimo futuro cercheremo senz’altro di portare in giro il più possibile il nostro EP, in uscita il 5 maggio. In particolare, sarebbe bello riuscire ad allargare il bacino di ascoltatori fuori dalla nostra bolla veronese. Poi i pezzi non ci mancano, continueremo a lavorare come abbiamo fatto finora e a produrre nuovi brani, riteniamo ci sia del materiale molto valido e pensiamo di poterci togliere delle belle soddisfazioni, non vediamo l’ora di emozionarci cantando le nostre canzoni insieme al pubblico''.