Sono presenti 1247 interviste.

27/02/2024
LABOA
''L’urgenza di esprimere le proprie emozioni e di condividerle è un bisogno primario dell’umano...''

23/02/2024
GABYLO
''In un tempo in cui sono aumentati, problemi, difficoltà e dolori, cerco di portare l’attenzione sulle cose piacevoli e belle della vita...''

tutte le interviste


interviste

02/12/2023   BONAVITA
  ''Sono una persona che ha sempre voglia di farcela, provare per me è inutile...''

Fuori da giovedì 9 novembre 2023 "Oceano", il nuovo singolo di BonaVita, progetto solista di Mirco Miano. Un brano energico e ballabile, un mix tra Rap, Pop e Musica Elettronica. La cassa dritta vuole condurre l'ascoltatore verso un flusso di energia positiva in cui la voce cavalca la wave con melodie ritmate. Il fine di BonaVita è proprio questo: un'espressione ideologica basata sulla semplicità e sull'empatia.

Hai voglia di raccontarci un po’ chi sei? ''Sono una persona che ha sempre voglia di farcela, provare per me è inutile. Quando mi cimento nella musica mi avvolgo nel flusso creativo, se sono in stato confusionale o non ho quell’equilibrio mentale per entrare nel mio mondo nemmeno mi metto al computer. Sono una persona che crede solo nella musica, ho costantemente bisogno di produrre, amo suonare la chitarra e scrivere melodie. Negli anni ho acquisito una piacevole naturalezza, essendo autodidatta in questo ambito, ma passando gran parte delle mie giornate a suonare''.

Come vedi Roma dal punto di vista musicale? È una città stimolante per i progetti emergenti? ''Roma ha i suoi pro e i suoi contro. È una città gigante e non è facile spiccare dove ci provano tantissime persone ogni giorno. Per quanto riguarda i pro posso dire che Roma mi dà quell’atmosfera unica. Quando devo scrivere i miei testi amo girare la città, specialmente il centro di Roma, metto le mie cuffie e scrivo. Ho sempre provato amore&odio per questa città che tanto dà e tanto toglie''.

Come è nata l’ispirazione per il tuo nuovo singolo “Oceano”? ''Oceano è stata una delle strumentali per le quali ho impiegato meno tempo, ero davvero stimolato e ho semplicemente seguito la wave del synth iniziale da cui tutto è partito. Mi è sempre piaciuta la base, sin dal primo momento, quindi anche scriverci è stato molto semplice. Mi sono solo sfogato, è venuto tutto d’impatto. La cosa che adoro di questa traccia è proprio la sua semplicità, che rappresenta il mio modo di esprimermi''.

Che cosa ascolti quando non sei impegnato nella creazione di nuovi pezzi? ''Quando non sono produttivo, mi piace sentire playlist che variano di genere in genere. Ho un rapporto d’amore profondo con la musica e non riesco a soffermarmi solo su un tipo di sonorità: ho bisogno di ascoltare più cose diverse per conoscere più influenze possibili. Sono passato un po’ su tutti i generi, dal Metalcore, all’heavy Metal, al pop punk, alla trap, all’hip-hop, alla musica latina e penso che tutto faccia parte del mio bagaglio, che cerco di mostrare sempre al meglio nei miei brani''.