Sono presenti 1303 interviste.

16/07/2024
MANUPUMA
''Scrivere è come essere un fotoreporter: cerco di cogliere l’attimo per poi trascriverlo...''

11/07/2024
SOUL KAMIKAZE
''Ringraziamo per quello che arriva senza ansie o pretese...''

tutte le interviste


interviste

07/12/2023   ALIS RAY
  ''Fermandoci, imparando a meditare, possiamo interrompere questo circuito frenetico e ritrovare equilibrio...''

Come nasce il tuo progetto musicale? ''Nasce da un sogno e da una consapevolezza. Il rendermi conto che siamo qui di passaggio e il desiderio di lasciare un bel segno del mio passaggio su questo pianeta. La musica penso infatti sia il mio strumento per manifestare la migliore me stessa con gli altri. Voglio usare il tempo che mi è e che mi sarà dato come "un esperimento", e questo esperimento si riferisce a cosa noi umani possiamo divenire se facciamo un lavoro su di noi, un reale lavoro di autocoscienza e autoconsapevolezza''.

Di cosa parla “Padroni del niente”? ''Questo brano vuole raccontare la mia quotidianità che rappresenta la quotidianità di quasi tutti noi, parlo della nostra vita, delle cose che facciamo ogni giorno e che ormai sono diventate automatiche, senza spessore, ovvero non gli portiamo attenzione e non le viviamo e in questo costante "frullatore". Questa corsa al niente ci fa perdere la vita, il valore più importante, che a volte rifiutiamo e malediciamo. Fermandoci, restando col nostro respiro, imparando a meditare possiamo interrompere questo circuito frenetico e ritrovare equilibrio, tranquillità, maggiore lucidità e quindi gratitudine verso la vita. La musica è un mezzo molto potente e voglio utilizzarla per veicolare messaggi di beneficio comune''.

Cos’è cambiato nella musica dopo la pandemia? ''Noto che i contenuti di tanti brani sono diventati più tristi e rabbiosi, la reclusione obbligata ci ha portati a vedere meglio noi stessi e la nostra vita e questo ha sicuramente scosso tante persone. Fortunatamente esiste anche un nucleo di artisti che hanno scritto e cantato parole di speranza e di ri-unione''.

Ti vedremo in concerto da qualche parte prossimamente? ''Certo, la prossima data sarà a Monza il 16 dicembre a "Il Guscio", vi aspetto!''.

Ci sono degli artisti ai quali ti ispiri per il tuo progetto musicale? ''Si, in primis Battiato per i contenuti introspettivi e profondi. Whitney Houston per l'emozione che riesce a trasmettere e per la presenza scenica sempre elegante e di stile''.