Sono presenti 304 interviste.

18/09/2018
ROBERTO BINETTI & PACHO ROSSI
''La musica è sacra, esiste anche senza di noi...''

20/07/2018
LUCA SALMASO
''Ho voluto scrivere quello che mi ha fatto male, per liberarmene...''

tutte le interviste


interviste

21/10/2015   MARCHESI SCAMORZA
  'Il prog italiano è particolarmente evocativo, colto, popolare, romantico e raffinato...'

Nel 2012 ''La sposa del tempo'', oggi arriva il secondo album ''Hypnophonia''. Tra i due album, la partecipazione al disco collettivo ''Decameron'', che vi vede in compagnia di Karda Estra, Latte e Miele, Unitopia e molti altri. Quanto è stato importante questo appuntamento di passaggio per il nuovo disco? ''Partecipare al disco ''Decameron'', con il singolo ''Teodoro l’armeno'', è stata un’esperienza utile sia per spezzare il ritmo tra l’uscita del primo album e la composizione del secondo, sia per misurarsi per la prima volta con la scrittura di un brano a tema. Per creare una canzone da una novella di un autore importante come Boccaccio abbiamo usato un approccio diverso rispetto a quello che utilizziamo solitamente per comporre, e il risultato ci ha lasciati soddisfatti; inoltre comparire su un disco insieme a grandi nomi del prog come quelli che hai citato, è motivo di grande orgoglio. Recentemente abbiamo registrato un brano per la terza parte della medesima raccolta, che uscirà prossimamente''. Che differenze ci sono tra ''Hypnophonia'' e ''La sposa del tempo''? ''''La sposa del tempo'' è stato il disco d’esordio, e come tale contiene pregi e difetti. In ''Hypnophonia'' è più evidente il cammino stilistico che abbiamo intrapreso, e abbiamo pensato attentamente ad ogni suo aspetto, dalla composizione all’arrangiamento, dalla scaletta al booklet. ''Hypnophonia'' è un disco nettamente più maturo (formato da cinque brani, due suite e altri tre pezzi più brevi), e secondo noi è molto equilibrato e coinvolgente. ''Hypnophonia'' significa un’unione tra la psiche e il suono, è un titolo molto d’impatto e secondo noi perfetto per la musica contenuta nel disco''. Con ''La sposa del tempo'', il video di ''Autunno'', la scoperta di un nuovo pubblico e le reazioni della stampa, avete avuto modo di testare gli umori del panorama prog-rock. Con quale stato d’animo vi siete avvicinati al lavoro di composizione del nuovo album? ''Le reazioni del pubblico e della stampa che abbiamo avuto riguardo a ''La sposa del tempo'' sono state incoraggianti e stimolanti per migliorarci e fare un secondo album più bello ed interessante. Abbiamo composto il nuovo materiale con entusiasmo e il risultato finale ne è la dimostrazione. Il prog italiano è particolarmente evocativo, colto, popolare, romantico e raffinato. Questi elementi insieme contribuiscono al fascino che genera negli ascoltatori''. Una caratteristica importante di questo nuovo disco è la registrazione in contesto analogico, ai Prosdocimi Studio. Voi siete giovanissimi e avete potuto sperimentare il fascino (ma anche le insidie…) dell’incisione “vecchio stile”: quali sono i pregi e i difetti del lavoro su nastro magnetico? ''Registrare al Prosdocimi Studio con Mike 3rd è stato bellissimo e davvero interessante. Per incidere su nastro ci vuole molta concentrazione ma ci abbiamo messo poco ad ambientarci. Registrare in analogico è estremamente affascinante, e il disco ne ha giovato con una definizione sonora di alto livello. La produzione di Mike 3rd è stata perfetta per trasportare su nastro la nostra musica, e siamo tornati da lui per registrare il brano per la terza parte della raccolta sul Decameron''. La nascita dei Marchesi risale a sei anni fa, quando decideste di creare il gruppo: le differenti estrazioni musicali di ognuno di voi sono ancora presenti o la vita di gruppo ha reso omogenei gusti e orientamenti? ''Ognuno di noi ha sempre le proprie preferenze musicali, che arricchiscono e contaminano positivamente la nostra musica. Suonare insieme da anni ci ha messo in grande sintonia e l’orientamento che abbiamo mentre creiamo la nostra musica è davvero molto spontaneo e naturale''. Il 23 ottobre presenterete ''Hypnophonia'' dal vivo: cosa prevede il concerto dei “nuovi” Marchesi Scamorza? ''Il concerto prevede la messa in scena integrale dell’album. Sarà un bello spettacolo, ad aprire la serata ci sarà Mike 3rd col suo trio. ''Hypnophonia'' è un disco che abbiamo realizzato con grande impegno, ci aspettiamo che possa farsi apprezzare dagli ascoltatori, e far conoscere ulteriormente la nostra musica''.