Sono presenti 304 interviste.

18/09/2018
ROBERTO BINETTI & PACHO ROSSI
''La musica è sacra, esiste anche senza di noi...''

20/07/2018
LUCA SALMASO
''Ho voluto scrivere quello che mi ha fatto male, per liberarmene...''

tutte le interviste


interviste

21/08/2016   FOX THUNDER AND MAJESTIC PARROT
  ''Siamo quattro persone completamente diverse... Uno zoo in miniatura!''

Il 27 maggio è uscito in tutti i negozi digitali il primo album omonimo della band romana Fox Thunder And Majestic Parrot, distribuito e promosso da (R)esisto. Il disco contiene 8 brani di stampo funk/rock, tra cui il singolo “Charlie The Dyno” in rotazione radio. Abbiamo potuto intervistare la band, ci hanno parlato delle nuove canzoni, dei loro progetti futuri, delle loro influenze musicali e molto altro. Ciao ragazzi, cominciamo con una domanda semplice per presentarvi ai nostri lettori: chi sono i Fox Thunder And Majestc Parrot? ''Uno zoo in miniatura: siamo quattro persone completamente diverse, con background di musica e di vita differente, con influenze plurime ma capaci di fondersi. E poi, amiamo sì la fauna, ma anche la flora (chi vuol capire capisca..). Ci presentiamo di persona: alla voce Alessandro Ciattaglia, alla chitarra Marco Savioli, al basso Martino Carletti e alla batteria Giovanni Melaranci''. Il vostro nuovo disco è uscito per (R)esisto il 27 Maggio, volete parlarcene? ''Il disco è totalmente auto-prodotto nella cantina del batterista, quindi se volete un vero cd underground questo fa per voi! Spesso siamo partiti da una cellula ritmica proposta dal batterista, in seguito sviluppata e arricchita dal basso solido di Martino. Poi, ci siamo concentrati su armonia e melodia grazie al lavoro di Marco, il chitarrista. Le voci sono invece di Alessandro, che ha lavorato a fondo sul testo a partire dall'idea iniziale. Spessissimo le nostre canzoni prendono spunto da una particolare specie animale, di cui cerchiamo di riprodurre le abitudini, l'andatura, il verso, l'anima. Da qui i versi, che utilizzano queste metafore “bestiali” per parlare di noi, di quello che ci circonda, di quello che ci impressiona''. Quali sono i vostri punti di riferimento musicali? ''Beh, come detto nella prima risposta siamo uno “zoo” di personalità plurime. Con questo dico che le influenze sono molteplici e diverse per ogni componente, riassumendo posso citare sicuramente quei gruppi che più hanno influenzato il nostro sound: Living Colour, Red Hot Chili Peppers, Rage Against The Machine, Snot, Deftones, ma anche i classici del funky come George Clinton o James Brown senza scordarsi del blues! Diciamo veramente di tutto!''. Com’è nato e in quali circostanze avete capito che il brano “Charlie The Dyno” aveva tutte le carte in regola per essere utilizzato come nuovo singolo dell'album? ''''Charlie The Dyno'' nasce da una cellula ritmica proposta dal bassista. Immediatamente abbiamo capito che il brano in questione racchiudeva tutta la nostra essenza musicale. Soprattutto live ognuno di noi riesce ad interpretare in maniera impeccabile le idee del nostro simpatico dinosauro che si ritrova in “una società dove sei costretto a preferire di nascere ricco materialmente piuttosto che goderti i sentimenti”. A livello strutturale il pezzo racchiude una strofa funk che scoppia in un ritornello crossover e uno special quasi metal... diciamo che racchiude un po' tutte le nostre influenze''. Molto bello il video di “Charlie The Dyno”, come è nata l'idea? ''A parte il fatto che serviva un video per lanciare il singolo, sulla scelta dell' ambientazione in realtà sono per lo più deliri e pensieri del batterista! Fortunatamente il videomaker che ci seguiva ha avuto una grande pazienza ad assecondare qualsiasi cosa venisse detto''. Cosa vi aspettate per il futuro del progetto? ''Il nostro progetto futuro, nell'immediato, è un secondo cd, magari trovando chi investa nel nostro progetto. Poi suonare, suonare e suonare, live e in mezzo alla gente''.