Sono presenti 303 interviste.

20/07/2018
LUCA SALMASO
''Ho voluto scrivere quello che mi ha fatto male, per liberarmene...''

18/07/2018
MIKE SPONZA
''Ci serve un cuore nuovo per vivere l’estate dell’amore...''

tutte le interviste


interviste

21/09/2016   ANTIPOLE
  ''Senza un'appiglio, senza una sensazione, non c'è speranza per una canzone...''

Come si è formata la vostra band? ''Siamo stati ispirati dal post-punk degli anni '80. Ci siamo chiesti: quale sarebbe il risultato se noi riuscissimo a massimizzare l'energia e i suoni delle chitarre degli anni '80? Abbiamo voluto mantenere le cose semplici e vedere cosa potevamo ottenere con semplici melodie e arrangiamenti. Tutti gli strumenti sono suonati da me (Karl), ma Anne gioca un ruolo centrale nel dare forma all'idea di cosa dovrebbe essere Antipole, e spesso interpreta un importante ruolo nel trasformare le idee da cattive in buone. In aggiunta Anne realizza gli artwork. Cosa che lei fa molto bene''. Puoi dirmi qualcosa riguardo il tuo background musicale? ''Abbiamo sempre ascoltato l'indie degli anni '90 e speso molto tempo su band british folk rock (Steeleye Span/Fairport Convention) dei primi '70s e su molti artisti “strani” di quel periodo. Per Antipole le band post-punk dei primi anni '80 sono state molto importanti. Per esempio The Cure, Joy Division e The Chameleons. Nei primi anni 2000 ho ascoltato AqPop e ho suonato musica pop-psych seguendo le orme di The Byrds etc. Ho scritto canzoni per 15 anni. Alcuni italiani potrebbero aver ascoltato Motorpsycho. Essi sono di Trondheim e io ho speso molto tempo negli anni '90 ascoltandoli''. Come è nata la vostra passione per la musica? ''Sia io che Anne siamo stati sempre affascinati da cassette e vinili. Siamo stati affascinati dagli artwork e dal leggere i testi delle canzoni. Nei primi anni '90 i Nirvana mi hanno spronato molto per cominciare a suonare la chitarra e suonare mie canzoni''. Quando ascolto la tua musica percepisco molta energia. Quanto è importante trasmettere energia al proprio pubblico? ''E' sicuramente importante. Senza un'appiglio, senza una sensazione non c'è speranza per una canzone. L'energia può essere aggressiva o arrabbiata o, ancora, disperata, vulnerabile e triste''. Come nasce l'ispirazione per la tua musica? ''Le sensazioni e gli stati d'animo della vita. Luoghi, libri, relazioni o altre canzoni''. Quali sono i tuoi progetti per il futuro? ''Continuare a scrivere canzoni e pubbicare il prossimo album. Non desideriamo diventare dei grandi artisti. E' meglio essere un piccolo segreto nascosto per quelle poche persone che ci seguono e ci amano''.