Sono presenti 326 interviste.

15/11/2018
KARKAMAN
''Il Rap per me è un amico, un fratello, una via d’uscita dal caos...''

14/11/2018
LAMAREA
''La nostra voglia di cercare sonorità diverse, un po' più concrete...''

tutte le interviste


interviste

23/06/2017   VITANTONIO MASTRANGELO
  ''Non smettere mai di ricercare, di esplorare nuove sonorità...''

Parlaci di te come artista, in poche parole… come ti descriveresti? ''Un musicista polistrumentista, sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo. Amante della musica, tutta quanta. Non saprei come altro descrivermi. Preferisco che sia la mia musica a parlare di me''.

Quando hai scoperto di amare la musica, e cosa rappresenta per te? ''La ascolto da sempre, tutti i giorni, e la suono anche tutti i giorni, da tanto. E' la mia vita, è sempre con me. M'è sempre piaciuta, da che ne ho memoria''.

Descrivici cos’è “Daily Life Soundtrack”. ''In "Daily Life Soundtrack" ho raccolto la maggior parte dei brani che ho composto negli ultimi anni, da quando ho scoperto le corde di nylon e la potenzialità delle corde a vuoto nella fase compositiva. E' la mia prima esperienza come one man band e anche il primo disco in cui utilizzo queste sonorità. Ho provato, anche con l'ausilio di stomp box e sonaglio da piede, a riprodurre da solo il suono di una band. L'album vuole appunto essere una colonna sonora per la vita di tutti i giorni''.

Perchè ti affascina questo tipo di musica particolare? ''La sfida era quella di riprodurre da solo qualcosa che mi soddisfacesse completamente, pur avendo sempre ascoltato e composto musica di band. La verità è che tutti i tipi di musica mi affascinano''.

Da dove nasce l’ispirazione che ha dato inizio al tuo nuovo album? ''Non ricordo esattamente, ogni brano è nato in totale naturalezza. Senza dubbio lo strumento, chitarra con le corde di nylon elettrificata, e l'utilizzo dei suoni clean e del delay mi hanno suggerito queste combinazioni''.

Da quant’è che questi brani ti ronzavano per la testa? ''Da più di 2 anni e li ho anche già suonati parecchio in giro. Avevo solo bisogno di fermarli da qualche parte e diffonderli il più possibile''.

Quale messaggio vorresti che il pubblico recepisse, dalla tua musica? ''Vorrei che questo disco trasmettesse un senso di calma, la stessa che trasmette a me quando suono questi brani in giro. Mi piacerebbe che faccia apprezzare loro quei momenti di tranquillità che riescono a ritagliarsi da questa vita frenetica per ascoltare profondamente un po' di musica''.

La tua musica è molto originale e personalizzata. Il segreto per non ritrovarsi omologati? ''Non credo di conoscere un segreto, tuttavia penso che l'unico modo sia non smettere mai di ricercare, di esplorare nuove sonorità''.

La musica oggi soffre di una crisi molto profonda, a tuo parere, quale può essere il motivo primario? ''La nostra società è cambiata e cambia continuamente. Internet ha rivoluzionato completamente il nostro stile di vita e in molti settori si devono rincorrere questi cambiamenti molto velocemente, così nella musica, e a volte si fa fatica''.

Stai già pensando ad un prossimo progetto? Se sì… puoi darci una piccola anteprima? ''Mi piacerebbe andare a suonare questi brani in America prima o poi, spero di riuscirci quanto prima. Poi credo mi rimettero a comporre''.