Sono presenti 303 interviste.

20/07/2018
LUCA SALMASO
''Ho voluto scrivere quello che mi ha fatto male, per liberarmene...''

18/07/2018
MIKE SPONZA
''Ci serve un cuore nuovo per vivere l’estate dell’amore...''

tutte le interviste


interviste

23/11/2017   BLOWOUT
  ''Riacquisire la possibilità di autodeterminarsi dopo aver toccato il fondo...''

Introducete la vostra band ai nostri lettori... ''Ciao a tutti, siamo i Blowout, band “stoner/metal” dal Trentino''.

Quali sono le vostre fonti di ispirazione? ''Sicuramente la scena sludge di New Orleans, gruppi come Down, Crowbar e Eyehategod... E' indescrivibile ciò che riescono a dare tali bands, mettono testa ed anima in un genere con una libertà espressiva che non ha paragoni. Poi, soprattutto per Andrea, ci sono i Black Sabbath, padri dell heavy metal e di tutto ciò che lo circonda, infine possiamo metterci anche i Pantera con la loro anima groovy Southtern''.

Quali band vi hanno influenzato di più? ''Risposta complessa, ognuno ha i suoi gruppi preferiti, non ascoltiamo tutti le stesse le cose. Le band di riferimento sono sicuramente Pantera, Down, Black Label Society, Crowbar e Black Sabbath''.

Quanto tempo suonate a settimana? Riuscite a bilanciare la vostra carriera artistica con la vostra vita? ''Ci troviamo una volta a settimana ma comunque siamo sempre “connessi” e riusciamo a scambiarci idee e spunti e opinioni quasi tutti i giorni''.

Quale è la storia dietro la creazione di ''Buried Strength''? ''Questo disco a livello compositivo ha impiegato circa un annetto per nascere, si può dire siano stati i riff di chitarra a fare da embrione per la struttura di ogni pezzo. Andrea ha la capacità di scrivere riff a ripetizione ma gli manca la capacità di strutturarli in un pezzo completo, ed è qui che entra in gioco Giuseppe, la grande mente dei Blowout, il componente con più esperienza. Per il resto Michele ha dato il senso ritmico insieme a Lorenzo e Igor: beh, sul disco potete sentirne il ruggito... Quindi effettivamente ''Buried Strength'' è la somma di ciò che siamo noi musicalmente''.

Che significato ha il titolo ''Buried Strength''? ''Significa "forza sepolta", si riferisce fondamentalmente ad un percorso di rinascita, di riacquisizione della possibilità di autodeterminarsi malgrado il fondo che a volte tocchiamo durante la nostra esistenza. Sicuramente non siamo i primi e nemmeno gli ultimi a trattare tali tematiche ma diciamo che, per come sono stati messi giù i testi, le abbiano affrontate molto personalmente. Alcune parti del disco hanno significati talmente personali e radicati nell'inconscio di chi le ha scritte che sarebbe difficile spiegarle''.

Dove si sono svolte le registrazioni di ''Buried Strength''? ''Lo abbiamo registrato a casa di Michele (batteria) nella sua sala prove/studio, senza fretta e senza la pressione di nessuno. Poi il tutto è stato mixato al Nologo Studio di Laives (BZ) e masterizzato allo Swift Mastering di Londra''.

Potete dare un giudizio sulla scena metal italiana? ''Di gruppi validi ce ne sono molti, il problema è riuscire a vederli live. I locali sono sempre meno, e spesso non sono attrezzati per permettere uno show decente''.

Dove possiamo trovare la vostra musica? E le vostre info? ''Ci trovate praticamente ovunque… ecco i link principali… www.facebook.com/blowoutmetal - https://soundcloud.com/blowoutmetal - https://www.reverbnation.com/blowout9 - http://www.rockit.it/blowoutmetal''.