Sono presenti 316 interviste.

19/10/2018
SPAGHETTI FUNKY
''Il nostro genere, vanto nazionale conosciuto in tutto il mondo... come gli spaghetti!''

16/10/2018
LA BOCCA
''Il nostro progetto, piuttosto personale e unico...''

tutte le interviste


interviste

05/10/2018   GLI AMICI DELLO ZIO PECOS
  ''Siamo 4 teste che credono nell'uomo...''

Benvenuti ragazzi su Music Map. Presentatevi ai nostri lettori. ''Grazie per l'invito. Siamo 4 teste che credono nell'uomo. Crediamo che l'arte migliori la vita dell'uomo. E così proviamo a dare il nostro input con la musica. Quest'anno lo abbiamo fatto con "Dentro le cose".

"Dentro le cose" è, appunto, il vostro nuovo album. Come sta andando? ''Sta andando bene. Tanti i complimenti. Tante le recensioni positive. E i brani sono molto apprezzati durante gli spettacoli live in tutta Italia''.

"Le azioni noiose" è stato il primo singolo estratto del vostro album. Quali sono i feedback del pubblico che vi ascolta? ''''Le azioni noiose'' ha avuto subito un riscontro positivo. Un po' perché probabilmente ha una composizione musicale diretta, un po' perché credo che molti condividano il messaggio della canzone: il bisogno di rallentare un po' il ritmo di questa società frenetica. Poi ha un video particolare che sicuramente ha colpito''.

Ci sono delle particolarità dell'album che vorreste sottolineare? ''Tecnicamente ha la libertà dei suoni curati da noi stessi, in particolare da Luca Pucci che ha prodotto un suono di contrabbasso fuori dalle regole. Alcune chitarre sono state suonate con un amplificatore prototipo col quale ha suonato il grande Ivan Graziani. Ha inoltre strutture, non posso dire strane, ma un po' diverse da ciò che si ascolta di solito. E, per quello che riguarda gli argomenti, c'è il nostro modo di alleggerire anche gli argomenti più profondi''.

Ci sono artisti che hanno influenzato le sonorità del vostro nuovo album? ''Chi ci conosce sa che non ci siamo mai fossilizzati su un unico genere. Abbiamo suonato il country di Johnny Cash, i Nirvana, amiamo i Beatles, il cantautorato italiano. Abbiamo addirittura un brano in cui partecipa una soprano lirica. Sono anni che suoniamo insieme e ci siamo sempre spostati spontaneamente in uno spazio (che bella allitterazione) molto vario. Probabilmente siamo stati influenzati da tutto questo, cercando un nostro linguaggio originale ma allo stesso tempo non distante da quello che si ascolta oggi. Controcorrente a tutti i costi no''.

Che musica ascoltano Gli Amici dello Zio Pecos? ''Ognuno ha i suoi gusti. La musica ci ha dato un grande insegnamento. Ogni linguaggio, ogni stile ha il suo momento. A volte i gusti cambiano con le stagioni, con i momenti della giornata. Col sole, con la pioggia. Siamo aperti a tutto. Poi chiaramente c'è chi sconfina di più sul rock, chi ha fatto studi classici, chi jazz. Produciamo brani in uno stile che definiamo pop d'autore. Ascoltiamo di tutto''.

C'è una canzone del vostro album a cui tenete particolarmente e che invitate ad ascoltare con maggiore attenzione? ''Ovviamente siamo legati a ogni traccia dell'album, specialmente dopo averci lavorato molto tempo. Però quella per cui stiamo preparando un bel video, e che poi è molto apprezzata dal vivo, è ''Merda''. Titolo provocatorio, ma parla di amore''.