Sono presenti 326 interviste.

15/11/2018
KARKAMAN
''Il Rap per me è un amico, un fratello, una via d’uscita dal caos...''

14/11/2018
LAMAREA
''La nostra voglia di cercare sonorità diverse, un po' più concrete...''

tutte le interviste


interviste

06/11/2018   ADRIANO FORMOSO
  ''Ho convissuto con la musica sin dal mio sviluppo intrauterino...''

Cosa nasce per prima in lei, la passione per la musica oppure il desiderio di studiare psicologia? ''Penso che sin da bambino, quando sentivo la musica come mia compagna, stessi già vivendo scoperte e conoscenze in ambito psicologico, gli studi scientifici hanno consolidato la passione per la musica con la quale ho convissuto sin dal mio sviluppo intrauterino, ascoltando mia madre e mio padre che spesso cantavano per diletto''.

Quale tra le due emerge di più? ''Sul piano dell’impegno quotidiano la professione sanitaria mi occupa molte più ore dell’attività artistica, ma non sento questo come un condizionamento limitante''.

Cos’è la “Meditazione motivazionele cantata”, oltre ad essere il titolo di un brano estratto dal suo ultimo cd - libro? ''E’ una canzoneterapia che offre l’opportunità di rilassarsi con l’ascolto della musica che accompagna il testo e, con il testo, di riflettere sulla qualità della propria vita e il significato che essa può avere''.

Qual’è il filo conduttore che lega la musica con la psiche secondo l’idea che si è fatto dopo anni di studi? ''La capacità dell’essere umano e di alcuni animali di reagire agli stimoli sonori con processi neurofisiologici e con le emozioni''.

Cosa rappresenta per lei personalmente la musica in sé stessa? ''Una nobile arte e una risorsa indispensabile per l’essere vivente''.

Le capita di comporre brani non legati al tema della sua professione? ''Non penso, credo sia difficile fare arte senza implicazioni con la mia professione''.

“Nati al tempo di Rock” è il titolo del suo libro. Perchè ha scelto questo titolo, e cosa vuole comunicare? ''Il titolo esatto è “nascere a tempo di Rock”. Il titolo del mio libro nasce dal desiderio di informare che anche nel Rock, un genere da me amato sin dall’adolescenza, si trovano delle linee armoniche e delle frequenze neuropsicofoniche, ovvero utili all’attivazione di processi neurofisiologici utili alla nascita e al perinatale. Inoltre il rock è un genere che identifica la rottura di schemi del passato, e quindi il fermento culturale e la voglia di scoprire nuove realtà, valori indispensabili da offrire a chi verrà a condividere la sua vita con la nostra e il nostro pianeta''.