Sono presenti 357 interviste.

20/03/2019
NIIIK
''Sfumature diverse da pezzo a pezzo, che si incastrano come tasselli di un puzzle...''

19/03/2019
PITWINE
''Il nostro primo ep? Pieno, scalpitante, irruento...''

tutte le interviste


interviste

10/03/2019   GLUE'S AVENUE
  ''Abbiamo l’esigenza di conoscere nuovi scenari e far conoscere il più possibile il nostro progetto...''

Come nascono i Glue’s Avenue? (risponde Roberto Bonazinga): ''I Glue’s Avenue nascono inizialmente dalla collaborazione mia e di Lorenzo in cerca di una voce principale per esibirci nei locali della Riviera ligure, così iniziammo poco dopo a collaborare con Andrea improntando da subito un repertorio principalmente swing per poi in seguito spaziare anche ad altri stili musicali''.

In un solo anno siete arrivati a un disco come “Glues”. Come mai avete deciso di saltare tutti i passaggi intermedi tipo ep e simili? (rispondono Lorenzo Spinozzi e Roberto Bonazinga): ''Inizialmente, avevamo già alcuni brani in cantiere scritti da Andrea circa dieci anni fa che ci presentò, e decidemmo di rispolverarli e riarrangiarli con un nostro sound. Successivamente questa cosa ci diede entusiasmo e di conseguenza cominciammo a scrivere altri brani in poco tempo fino ad incidere un intero album di otto brani saltando la fase dell’e.p.''.

Mi sembrate molto slegati dalle mode del momento: come giudicate la musica italiana di oggi? (risponde Lorenzo Spinozzi): ''Francamente mi attira ben poco del nuovo panorama artistico proposto dal sistema della grande distribuzione nell’ambito degli artisti emergenti, mentre continuo ad apprezzare artisti già con una grande esperienza che continuano a muoversi nel settore della musica italiana da svariati anni. Non sono molto a favore dei “talent” che rendono l’artista privo di una vera identità interiore; infine non condivido l’idea che spesso sento nel settore delle grandi etichette, quello di cambiare la visione di chi propone un qualcosa davanti ad una produzione, poichè c’è la moda del momento; non mi piace accostare la moda alla musica, penso che sia limitante, per tutte le possibilità comunicative che possiamo creare senza preclusioni''.

Avete suonato a Casa Sanremo quest’anno: che emozione è stata per voi che “giocavate in casa”? (risponde Andrea Arnaldi): ''Eravamano entusiasti e molto emozionati. È una grande soddisfazione farsi ascoltare in casa e soprattutto essere supportati da persone meravigliose che ci seguono e credono in modo concreto in noi . È stata un’emozione anche varcare un palco professionale con tempi e spazi ben delineati: esperienza che matura e che può portare solamente a migliorarsi''.

La vostra attività dal vivo è già molto importante: dove possiamo venirvi a vedere prossimamente? (risponde Roberto Bonazinga): ''Sì, siamo assolutamente soddisfatti dell’anno passato avendo fatto un centinaio di live tra la Riviera, la Costa Azzurra, Parigi e la Toscana e un disco, tutto in 12 mesi, quindi siamo molto contenti, ma MAI fermarsi a guardare indietro. Ora bisogna organizzare la nuova stagione e provare ad uscire più spesso dalla nostra zona, questo non perchè non ci piaccia suonare qui, anzi, ma abbiamo l’esigenza di conoscere nuovi scenari e far conoscere il più possibile il nostro progetto e le nostre canzoni. Per sentirci dal vivo potete seguire le nostre pagine che sono sempre aggiornate con i nostri appuntamenti live: Facebook: https://www.facebook.com/GluesAvenue/; Instagram: https://www.instagram.com/gluesavenue/''.