Sono presenti 428 interviste.

17/10/2019
FRABOLO
''Racconto esperienze personali che spero facciano rima anche con quelle di altre persone...''

15/10/2019
FABIAN WOLF
''Dall'ascolto mi arrivano impulsi e ispirazioni, dal raccontarmi derivano sinergie e sicurezze...''

tutte le interviste


interviste

20/03/2019   NIIIK
  ''Sfumature diverse da pezzo a pezzo, che si incastrano come tasselli di un puzzle...''

Ciao NIIIK e benvenuto su Music Map. Presentati ai nostri lettori. ''Ciao a tutti! Mi presento, mi chiamo Nicolò Garganigo in arte NIIIK, sono un cantautore comasco, mi definisco principalmente un ragazzo semplice con una grande passione per la musica e dedico tutto il mio tempo libero, purtroppo alcune volte troppo poco, a questa passione. La musica per me è il più importante mezzo per esprimere le mie emozioni e per mettere in musica momenti importanti della mia vita''.

Lo scorso 15 marzo è uscito il tuo nuovo singolo "Inferno". Un titolo che in realtà nasconde una canzone con un messaggio positivo. Parlaci del brano. ''Inferno è la descrizione chiara di uno status mentale di superamento delle difficoltà, di tutto ciò che nella vita ci ha fatto male e che condividiamo ogni giorno. Quando ho scritto questa canzone, nella mia testa c’era fisso il pensiero che la felicità che in quel momento stessi vivendo, il sorriso e la spensieratezza, dessero talmente fastidio al “diavolo” con cui stavo condividendo parte della mia vita, tanto da portarlo ad allontanarmi da lui. So che è molto contorto come pensiero ma è questo il punto di partenza su cui ho costruito tutta questa canzone, che volevo non come una tipica canzone d’amore ma come un qualcosa di diverso''.

C'è anche una curiosità legata a questa canzone. Con essa, infatti, hai chiesto a tua moglie di sposarti. Questo denota un forte legame tra la tua arte e la tua vita quotidiana e privata. E' così? ''Assolutamente si! Tutte le mie canzoni sono strettamente collegate con eventi o con situazioni legate alla mia vita. Purtroppo sono un cantautore atipico, ci sono autori che compongono in qualsiasi momento e parlando di qualsiasi cosa, io invece ho bisogno di un’ispirazione chiara e la mia vita mi invia messaggi per aiutarmi a scrivere. Per quanto riguarda ''Inferno'' diciamo che la vicinanza e l’amore hanno influito molto sulla composizione, e da buon romanticone che sono ho deciso di metterla in sottofondo quando, in ginocchio, ho chiesto la mano a mia moglie''.

''Inferno'' è la title track del tuo prossimo EP, composto da 6 brani. Puoi darci qualche anticipazione? Come suonerà questo lavoro e quali saranno i temi che tratterai nei testi? ''In questo EP, grazie soprattutto alla collaborazione con il mio grande amico e astro nascente della produzione Luca Stasi, abbiamo deciso di fare un qualcosa di diverso rispetto ai miei due precedenti lavori. Gli arrangiamenti dei pezzi sono sicuramente più elettronici e molto più ritmati, la volontà è di avere più sfumature diverse da pezzo a pezzo ma che si incastrino come tasselli di un puzzle dando un risultato coerente ma allo stesso tempo interessante per l’ascoltatore. Le tematiche del resto dell’EP sono, come per ''Inferno'', tematiche semplici, ma rivisitate in chiave meno scontata: la malattia, la libertà di viaggiare, la nascita, la complicità e la voglia di superare le barriere''.

La produzione artistica della tua musica è curata da Luca Stasi e registri presso i Reclub Studios di Larsen Premoli. Come ti trovi a lavorare in team con loro? ''Con Luca ormai c’è un rapporto quasi fraterno, ci siamo conosciuti 6 anni fa e non ho avuto dubbi sull’affidare a lui la produzione artistica del mio nuovo lavoro, in quanto ci accomuna la sensibilità sia personale che musicale, e soprattutto siamo due che pretendono molto da loro stessi e quindi anche dagli altri. Da subito, quando abbiamo iniziato a lavorare, abbiamo capito dove saremmo voluti arrivare e come, ed è stato tutto in discesa da subito. Con Larsen, anche se la collaborazione è stata più veloce, posso dire che è stato veramente bello confrontarsi e capire insieme come dare una linea comune ai pezzi, sapevamo entrambi l’importanza di fare un grande lavoro di mixing e mastering per trovare un’uniformità di suoni e di stile tra le canzoni, e da subito, chiarendo la direzione, con lui c’è stato un ottimo feeling. I Reclab studios poi sono pazzeschi, ed è bellissimo lavorare i un contesto così professionale''.

Progetti per il futuro? Ti vedremo live su qualche palco con Inferno e gli altri brani dell'EP? ''Sicuramente ci saranno a breve tantissime news e tanti live, ora partiremo con un po’ di showcase radiofonici nelle prossime settimane in varie Radio italiane. In più stiamo lavorando molto per creare la giusta presentazione per questo EP prima dell’arrivo dell’estate e per promuovere anche gli altri pezzi che stanno per arrivare. Però ora godiamoci il primo singolo ''Inferno'' e lasciamo un po' di suspence per il futuro...''.