Sono presenti 519 interviste.

26/05/2020
CATO
''Sono un amante della musica, e dei viaggi on the road...''

26/05/2020
PYMHAUS
''Noi siamo ''limited edition'', per tanti ma non per tutti!...''

tutte le interviste


interviste

28/04/2020   AZA
  ''Spesso si tende ad accontentarsi, a sedersi e rimanere nella comfort zone per convenzione...''

Gli AZA, misteriosa band nata all’ombra della Mole Antonelliana, si lanciano sulla scena musicale con un nuovo e travolgente singolo, “Mi stressa”. Abbiamo avuto modo di parlare con loro a distanza di sicurezza.

Questo periodo di isolamento, oltre ad essere una grande spina del fianco, può anche essere uno stimolo per la fantasia. Raccontateci come si sviluppa il vostro processo creativo. ''Partendo dal presupposto che il Chihuahua ci obbliga a scrivere in qualunque condizione, crediamo che questo periodo sviluppi un senso creativo differente dalle modalità abituali ma non lo riduca. Abbiamo continuato a scrivere, per quanto riguarda la modalità, dipende: a volte il chihuahua ci porta strumenti trovati per strada quando ci porta a passeggio per ispirarci, altre volte ci accorgiamo che saltellando sulla tastiera crea dei loop interessanti e partiamo da quelli''.

Scegliete di lanciarvi sul panorama musicale con “Mi stressa”. Quale messaggio si nasconde dietro questa canzone e a chi volete arrivare? ''E’ un lamento rivolto a tutti quelli che vorrebbero esprimere il loro disagio anche in quelle situazioni in cui si dice “ma sì, mi va bene così”, ma in fondo non è vero. Spesso si tende ad accontentarsi, a sedersi e rimanere nella comfort zone per convenzione''.

Quanto del vostro modo di vivere, della vostra filosofia, si proietta nella musica che scrivete? ''Siamo guidati da un cane, cosa c’è di più filosofico? Il nostro modo di vivere è caratterizzato dal disagio e dalla difficoltà di trovare una pace interiore ma allo stesso tempo dal saper scherzarci sopra''.

Quali sono gli artisti, musicali e non, che vi ispirano nella scrittura? ''Dai, questa volta vogliamo parlare dei nostri idoli non musicali tra cui: Quentin Tarantino, che è crudo e sincero come noi, Chef Cannavacciuolo, perché valorizza ingredienti semplici, e Beethoven, il cane ovviamente''.

Cosa ci dobbiamo aspettare dagli AZA per i prossimi mesi? ''Che si trasferiscano in un camper per poter suonare insieme anche in caso di nuove quarantene...''.