Sono presenti 614 interviste.

16/10/2020
LINEA
''Nella musica ora tutto è più veloce, usa e getta come per i rasoi...''

15/10/2020
MICO ARGIRO'
''Ho un’idea operaia della musica, che ti sporca le mani, per questo l’ho scelta come strada della mia vita...''

tutte le interviste


interviste

14/07/2020   ACHELLOOS
  ''Si può vivere anche cent'anni senza averne realmente vissuto uno...''

Come è nato il brano "Bravo"? ''''Bravo'' nasce durante la quarantena, un periodo che mi ha costretto a rimanere solo in casa a riflettere sul mio passato e su quello che vorrei ottenere dal futuro, prendendo coscienza di tutti gli sbagli che però non mi pento di aver fatto perché sono serviti a farmi crescere''.

Qual è il messaggio che vuoi trasmettere con questo brano? ''''Bravo'' racconta la storia della mia adolescenza, delle delusioni, delle sconfitte, delle esperienze di vita che mi hanno aiutato a crescere. Viene sottolineato che non bisogna mai mollare perché dobbiamo credere in un futuro migliore. Dobbiamo trovare il coraggio di lottare: per raggiungere i propri obiettivi, i propri sogni e per percorrere la propria strada ci vuole una grande quantità di coraggio e di consapevolezza. Spero che nel mio piccolo questo brano possa aiutare tutti i ragazzi che si rispecchiano nel testo''.

Quali sono gli artisti a cui ti ispiri? ''Non traggo ispirazione da nessuno artista, l’unica mia fonte di ispirazione è la mia vita, cerco di creare un viaggio tra me e la musica, in un certo senso mi sembra proprio di parlare con la melodia creata precedentemente dal mio producer (G La Spada) che in questo viaggio mi aiuta veramente tanto''.

Quali sono gli artisti con cui ti piacerebbe collaborare? ''Per capacità musicali e per un affetto che mi lega alla musica sin da piccolo Gigi D'Alessio, mentre per creatività e stravaganza Achille Lauro. Tra gli altri artisti contemporanei la cui musica è inserita nella mia playlist ci sono Boro Boro, Rico Mendossa, Paky''.

Quale pensi sia l'aspetto che ti differenzia dagli altri ragazzi che vogliono fare rap? ''Le storie che racconto servono a mettere i ragazzi in guardia, per non fare errori di cui un domani potrebbero pentirsi. Di fidarsi delle persone giuste, perché i traditori sono sempre i più vicini. Mi rivolgo a un gruppo di ascoltatori vasto in quanto le esperienze non hanno età: si può vivere anche cent'anni senza averne realmente vissuto uno. Sarà il pubblico poi a decidere per quale motivo ascoltare le mie canzoni, i veri giudici sono loro''.

Prossimi progetti? ''Progetti in cantiere? Molteplici... Alcuni già sono realtà che aspettano solo di essere definite con l’inserimento di un feauturing con un’eventuale big. L’unica cosa che sento di dirvi che racconterò parti di me che solo io conosco''.