Sono presenti 614 interviste.

16/10/2020
LINEA
''Nella musica ora tutto è più veloce, usa e getta come per i rasoi...''

15/10/2020
MICO ARGIRO'
''Ho un’idea operaia della musica, che ti sporca le mani, per questo l’ho scelta come strada della mia vita...''

tutte le interviste


interviste

29/09/2020   FRANCES ARAVEL
  ''Entrare, attraversare ed uscire da un’emozione, che sia bella o brutta...''

Ciao e benvenuta. Come nasce il tuo nuovo singolo ‘’Shining Out Of The Dark’’? ''Ciao e grazie! Questa canzone nasce dalla necessità di uscire da un momento difficile, trovare la forza di reagire per combattere i propri demoni a testa alta. Con la convinzione di uscirne vincitrice''.

Dove trovi l’ispirazione per i tuoi brani? ''L’ispirazione arriva quando sono pronta ad entrare, attraversare ed uscire da un’emozione, che sia bella o brutta. Facendo come un’istantanea, una fotografia, un modo per fermare quel momento della mia vita, rivivendolo poi ogni volta che lo suono/canto''.

Cosa ami raccontare nei tuoi testi? ''Amo raccontare quello che vivo, che mi emoziona, dando modo all’ascoltatore di viversi il mio punto di vista lasciando però spazio anche ad una interpretazione personale''.

Il video di “Shining Out Of The Dark” è stato girato durante il lockdown della scorsa primavera. Come hai vissuto questa esperienza? ''Questo è un discorso ampio e delicato. Io mi ritengo una persona estremamente fortunata per non aver dovuto vivere una terribile esperienza, né in prima persona né tramite conoscenze. Essendo io di Bergamo ho vissuto questa esperienza attraverso il dolore delle persone che hanno perso i propri cari, che hanno combattuto e non ce l’hanno fatta, o che hanno combattuto e sono sopravvissute. È stato un trauma sotto ogni punto di vista, sperando che con questa nuova realtà tra lavoro, concerti, viaggi ecc. si riesca a ricreare un equilibrio tale da far ripartire tutto come prima se non meglio, in modo più organizzato''.

Perché la scelta di cantare in inglese? ''Perché mi intriga, mi attira, ha un suono morbido, per me è più semplice cantare in inglese rispetto all’italiano. E poi lo trovo anche un po’ “misterioso”, il fatto che non tutti magari capiscano al volo quello che scrivo e si devono un pochino “sbattere” per comprendere lo trovo stimolante''.

Che musica ti piace ascoltare? ''Generalmente tutta, tranne gli estremi (di ogni genere). Prediligo ovviamente l’inglese ma ascolto di tutto''.

Cosa vorresti che la tua musica trasmettesse a chi la ascolta? ''Mi piacerebbe far ragionare le persone sulle loro emozioni, sulla loro vita, far crescere quella fiammella quanto basta per far vivere il presente per davvero''.