Sono presenti 692 interviste.

26/01/2021
FRANCESCO MIRCOLI
''Sicuramente ho fatto tanti km, mi prefiggo di farne altrettanti...''

26/01/2021
IN.VISIBLE
''Un viaggio nelle aspettative della vita, nella disillusione, nella rabbia...''

tutte le interviste


interviste

25/11/2020   FELICE DEL GAUDIO
  ''La musica č bellezza, amore, vita: ora e sempre, al di lŕ del momento storico, ve ne č bisogno...''

Felice Del Gaudio, bassista e contrabbassista, č nato a Lagonegro. Diplomato in musica jazz, al conservatorio di Adria, vive a Bologna dal 1984. Tra gli altri ha collaborato con Paul Wertico, Lucio Dalla, Il Quartetto d’Archi dell'Opera di Berlino, Hengel Gualdi, Pier Giorgio Farina, Raphael Gualazzi, Daniele Dibonaventura, Biagio Antonacci, Amii Stewart, Andrea Griminelli, Claudio Lolli. Ha pubblicato quattro metodi per lo studio del basso, un dvd didattico, e ha al suo attivo piů di centocinquanta registrazioni discografiche e diversi album come solista e leader. Ha suonato in festival di musica in tutto il mondo. Lo abbiamo incontrato.

Quale degli strumenti che suoni č il tuo preferito? ''-E’ difficile decidere e scegliere. Li adoro tutti perche’ ognuno mi e’ d’aiuto come “strumento” per farmi esprimere e venir fuori con le mie idee e le sue corde. Ciascuno di essi ha le sue peculiarita’ importanti. Il 5 corde per usare delle profonde sonorita’, il classico 4 sempre attuale, il fretless 4 e 5 per jazz, bossanova, ballad e altro. Poi in molti contesti e’ importante suonare il contrabbasso. Per esempio nell’ultimo disco del compianto Claudio Lolli “il grande freddo” ho suonato ed usato il basso el. 5, il fretless 5 ed il cb sia con arco che pizzicato''.

Sei stato tu a scegliere il basso oppure, come altri bassisti mi hanno rivelato, ti sei sentito scelto da lui senza rendertene conto? ''Penso che fosse gia’ tutto scritto. All’eta’ di 14 anni ho cominciato a studiare la chitarra e di li’ a poco il mio maestro prof. Racioppi decise che avrei suonato il basso el. e per la precisione l’Hofner, quello di Paul Mc Cartney, spiegandomi i meccanismi fondamentali e di base. Accompagnare con fondamentale e quinta e seguire la cassa della batteria, la cosa mi piaceva molto e mi veniva facile e spontanea. Da allora in poi sino ad oggi convivo con le 4 corde e tutte le sue varianti di genere musicale''.

Victor Bailey definiva il basso elettrico uno strumento acustico, per il suono del legno col quale e’ stato realizzato. Quale tipo di legno preferisci per lo strumento? ''Victor Bailey e’ un grande musicista, lo adoro sullo strumento e nelle composizioni. Nel basso elettrico e’ importante anche la componente elettronica e oggi nel panorama ci sono strumenti di liuteria importanti. Di solito preferisco il corpo in ontano oppure frassino, il manico in acero e la tastiera in palissandro per un suono piu’ morbido, anche manico e tastiera in acero per un suono piu’ funk, tipo Marcus Miller''.

Hai mai pensato di cantare dei testi sulle tue musiche? ''No, ma nel tempo ho prodotto e scritto brani poi cantati da altri ed ho inserito le parole con l’ausilio di mio figlio DELGA, anche lui sulla via della musica; queste produzioni sono state importanti soprattutto nella collaborazione con diverse cantanti jazz e non (Ginga, Ginger Brew, Giorgia Faraone, Sherrita Duran)''.

Cos’č la musica per Felice Del Gaudio? ''La musica e’ bellezza, linfa vitale, sviluppa l’intuito, e’ storia, e’ una lingua straniera, amore, compassione, gentilezza, ovvero “Vita”: ora e sempre al di la del momento storico ve ne e’ bisogno''.

Quanto č importante la musica in questo orrendo periodo storico? ''Mi piace citare questo pensiero di Victor Hugo: “La Musica esprime cio’che e’ impossibile da dire e su cui e’ impossibile tacere”. La musica e’ Liberazione, Magia, Arte, Linfa Vitale e puo’ essere di conforto e d’aiuto in questi momenti''.

Vorrei che ci spiegassi il significato che hai dato ad HARMONIA MUNDI, e che magari ci parlassi un po’ delle tracce. ''E’ un “best of” dedicato al basso elettrico. Il precedente mio lavoro dal titolo ''Desert'' era dedicato esclusivamente al contrabbasso. Ho messo insieme alcuni brani della mia discografia da solista e gli ho dato una seconda possibilita’ di ascolto. Poi ho composto ad hoc un brano dal titolo ''Santojanni'', dedicato ad una piccola isola di fronte alla costa di Maratea in Lucania, luogo speciale per me a cui sono molto legato. Per info si puo' consultare il mio sito ufficiale (www.felicedelgaudio.it) e tutti i digital store''.