Sono presenti 775 interviste.

14/05/2021
VEIVECURA
''E’ stato bello esplorare diversi generi e linguaggi, però in questo modo è molto complicato fidelizzare un pubblico...''

14/05/2021
BOWRAIN
''I buoni musicisti devono essere per forza dei buoni ascoltatori, non c’è un altro modo...''

tutte le interviste


interviste

13/01/2021   SAN MARINO UNITED ARTISTS
  ''14 Voci, 14 stili differenti, 1 canzone...''

Come nascono i San Marino United Artists? ''Il progetto San Marino United Artists nasce con l’intento di promuovere gli artisti e i cantanti della più antica Repubblica del mondo. Il primo passo di questo sodalizio musicale è stato appunto produrre il brano “Sogno”. Ho scritto e pensato questa canzone qualche anno fa per poi ultimarla durante il periodo del primo lockdown. L’intento era sin da subito quello di creare un brano da poter condividere artisticamente con i cantanti e i musicisti della mia terra. Oltre alla mia voce (Nico Della Valle-band Miodio), ci sono Monica Hill e Valentina Monetta, molto conosciute e apprezzate anche in ambito internazionale, Fabrizio Pregnolato, Paolo Beccari, Roberto “Moghe “ Moretti e Piermatteo Carattoni, artisti attivissimi sul territorio sammarinese ed Italiano, Luca Partisani ed Elisi Massari, due voci incredibili che hanno dato vita ad un progetto interessantissimo denominato ELU, Sara Jane Ghiotti (raffinatissima cantante jazz), il rapper Irol MC, Francesco Zazzi che abbiamo “sottratto” al mondo metal, e ultime ma non per importanza le straordinarie voci di Anita Simoncini ed Alessandra Busigani. 14 Voci, 14 stili differenti, 1 canzone''.

Di cosa parla “Sogno”? ''''Sogno'' è un brano dalle sonorità semplici e dall’atmosfera sognante. E’ una favola trasformata in musica che racconta di una notte magica. Un pianoforte e quattro violini perfettamente adagiati su di una ritmica incalzante e moderna. Un brano che muta e si trasforma continuamente pur rimanendo fedele alla sua elegante semplicità, e che vede la simbiotica compresenza di quattordici voci made in San Marino, quattordici stili musicali differenti capaci di esaltare ogni singola sfumatura sonora e trasportare l’ascoltatore in un “Sogno”''.

Come vedete l'attuale situazione musicale con una pandemia ancora in corso? ''Stiamo sicuramente vivendo una situazione surreale. Il mondo artistico/musicale è stato stravolto pesantemente da questa maledetta pandemia e l’incertezza che aleggia sul nostro settore è ciò che attualmente ci preoccupa maggiormente. Quello che potevamo fare è stato affidarci soprattutto ai social e alla rete, questo ci ha permesso di continuare a fare musica mantenendo i contatti con i nostri fan e amici. Molti di noi si sono dedicati alla parte “creativa” o di registrazione, con la speranza di poter tornare al più presto a vivere l’adrenalina del palco... magari già dall’estate 2021. Anche ultimare il nostro progetto comune non è stato affatto semplice. La pandemia ha inevitabilmente limitato ogni spostamento, incontro o prova audio, la cosa surreale è che non siamo mai riusciti a vederci tutti e 14 nello stesso momento nemmeno per prendere un caffè. Detto questo il risultato è stato impeccabile e questo lo si deve alla grande bravura e professionalità dei miei colleghi e amici cantanti''.

Avete/avreste avuto in programma dei live nelle prossime settimane? ''Purtroppo è così… molti degli artisti che hanno partecipato al progetto avrebbero dovuto avere concerti ed esibizioni live, alcuni di noi hanno fatto mini concerti tramite la rete. Come dicevo prima, la situazione attuale è davvero incerta e questa per noi musicisti è la cosa più difficile da accettare. Nonostante questo abbiamo cercato di fare di necessità virtù… San Marino United Artists è nato anche per questo motivo, attraverso il brano “Sogno” abbiamo dato visibilità e “voce” agli artisti sammarinesi in un momento molto complicato per la nostra categoria''.