Sono presenti 715 interviste.

26/02/2021
EXTRAZ
''Il mio prossimo passo? Come al solito, in avanti...''

24/02/2021
SERGIO CALAFIURA
''Non essendo più un ragazzino, ogni mia canzone è pensata e pesata...''

tutte le interviste


interviste

22/01/2021   NORA
  ''Non ho mai visto la diversità come un qualcosa di negativo o da temere...''

Come nasce il tuo progetto musicale? ''In questi anni ho scritto canzoni molto diverse come genere e come testi: alcune molto divertenti, altre molto riflessive e introverse. É stato un percorso veramente eterogeneo, fatto di tanti produttori, visioni diverse su vari progetti, situazioni che poi sono rimaste un po’ in sospeso. Adesso ho trovato la mia vera identità artistica: durante il lockdown ho scritto tanto e sono molto felice del risultato''.

Di cosa parla “Bloody Mary”? ''È un brano che invita ad essere sè stessi, non dando troppo peso alle divergenze di opinioni. È una storia di amore tra due ragazze dove Mary non si sente pronta per affrontare questa relazione poiché condizionata dall’ambiente circostante. Non ho mai visto la diversità come un qualcosa di negativo o da temere. Penso che ognuno debba essere libero di vivere la propria esistenza come meglio crede. Non penso certo che essere omosessuali sia una malattia o un difetto. Tra i miei amici ci sono anche omosessuali con i quali ho un bellissimo rapporto. In più, ero stanca di parlare dei miei ex nelle canzoni, perciò avere descritto una relazione tra due donne e una tematica così importante e non ego-riferita, mi ha reso davvero felice''.

Come vedi l'attuale situazione musicale con una pandemia ancora in corso? ''Molto complicata. Sono favorevole al vaccino perché credo sia l’unico modo possibile per poterne uscire. Questa situazione ha messo alcuni settori veramente in ginocchio, e poi c’è anche la necessità di tornare al contatto reale perché siamo esseri umani, abbiamo bisogno della fisicità, per quanto il web sia uno strumento utilissimo, ma tanti lavori non possono essere svolti in smart-working''.

Quali sono i tuoi artisti di riferimento? ''Per quanto riguarda la musica italiana adoro Levante, Gazzelle, Coez, Tommaso Paradiso e l’indie in genere: hanno un linguaggio molto originale ma quotidiano, anche le melodie sono davvero belle. Per la musica straniera adoro Sia, Aurora, Florence + The Machine, Post Malone. Mi piacciono tantissimo anche Mr. Rain e Clementino per il flow. Quando scrivo, invece, non mi ispiro a nessuno: è più un’esigenza dettata da un’emozione del momento''.

Hai/avresti avuto in programma dei live nelle prossime settimane? ''Non ho in programma live ma spero in estate di prendere parte a spettacoli perché mi manca davvero molto il contatto con le persone''.