Sono presenti 855 interviste.

17/09/2021
CARLO AUDINO
''Sono un pittore che disegna quadri musicali di emozioni, soprattutto personali...''

08/09/2021
ALESSANDRA NICITA
''Mi interessa crescere ed evolvermi. È una bella sfida ma mi si cuce bene addosso...''

tutte le interviste


interviste

16/02/2021   CALMO
  ''La scrittura per me è una necessità urgente e direi primordiale...''

Ascoltando il tuo nuovo singolo “Pistacchio”, tanto “Calmo” non sembri… perché questo nome d’arte? “Me lo dicono in tanti! In verità, io sono internamente una persona posata. Poi esternamente, spesso, sembro un pazzo. Il nome d'arte l'ha scelto un amico per me: sì, mi ero scocciato di non riuscire a trovare un nome che mi piacesse, per settimane. Lui se n'è uscito con “Calmo”, e io mi sono convinto che non avrei potuto trovare di meglio”.

Com’è stato il percorso precedente al tuo ultimo singolo e che significato ha “Pistacchio” al suo interno? “La base di tutta la mia musica è il groove. Forse, solo “Non ho voglia” è un po' la pecora nera. Per questo motivo, il percorso precedente a “Pistacchio” non è stato dissimile da “Pistacchio”. L'unica vera differenza, è che su questo singolo ci puntavo molto. E avevo ragione: è stato il mio primo brano ad essere inserito in una playlist editoriale di Spotify Italia, in particolare anima R&B, cosa che mi ha riempito di gioia. Il brano parla al 100% di me, quindi internamente è proprio come una confessione”.

Sappiamo che curi in prima persona quasi tutti gli aspetti della tua musica. Perché questa scelta? “Non è tanto una scelta, ma più una necessità da un lato e un'abitudine dall'altro. Necessità, perché le mie risorse sono ridotte, e preferisco investirle su ciò che non so o non posso fare. Abitudine, perché praticamente compongo musica da quando avevo 8 anni, e per me è naturale farlo da solo. Qualche tempo fa, però, ho lavorato in studio con Daniele Franzese ad alcuni miei brani. Mi ha molto aperto la mente, ho finalmente apprezzato cosa significa non lavorare da solo”.

Come definiresti il tuo rapporto con la scrittura di un nuovo brano? Come nasce la tua ispirazione? “È una magia, che purtroppo è difficile replicare. Una necessità urgente e direi primordiale: proprio questo è il problema! A volte manca l'ispirazione, ed è abbastanza frustrante. A me capita di scrivere bene soprattutto se sto soffrendo o se sono molto felice. Tipicamente, scrivo insieme musica e testo. Alle volte, abbozzo la produzione musicale durante la scrittura del testo, per definire meglio il mood di entrambi”.

Come saranno i prossimi mesi di Calmo? “Saranno mesi di ultimazione di lavori appesi, di nuovi lavori inattesi. E poi c'è tanto materiale di qualità pronto per scoppiare. Chi mi seguirà, vedrà tutto!”.