Sono presenti 869 interviste.

14/10/2021
DEX PASCAL
''Indossare delle maschere, alla lunga, ci fa vivere una vita che non ci appartiene...''

12/10/2021
1LY
''Ci sono ancora ragazzi che hanno tanti sogni e s'impegnano per realizzarli...''

tutte le interviste


interviste

12/05/2021   THE KIDAL
  ''Gli anni '80 sono stati una fucina di musica che non conosce i confini del tempo...''

Dopo l’esordio con il singolo "Balla" (che ha collezionato più di 120.000) ascolti, tornano THE KIDAL con una nuova canzone in uscita il 7 Maggio 2021, fresca fresca per l'estate in arrivo. Evocativa dei ritmi degli anni '80, ma con un sound innovativo, ricercato e attuale, “Resta con me" ci fa viaggiare sulle spiagge tanto desiderate dopo le lunghe attese sofferte dei lockdown e delle ordinanze restrittive, facendoci vibrare con emozioni d'amore ebbri di fuoco di passione e albe romantiche. Firmato da Gabriele Gigli ed Erik Calvo, il brano presenta la preziosa collaborazione musicale di Sofia Minelli impegnata a duettare con il cantante Luke. Il videoclip, girato nei territori canavesani da cui la band proviene, è un inno visivo alla libertà, non solo sociale e concettuale, ma anche quella delle cose più quotidiane. Un consiglio invece a chi vuole chiudere gli occhi e ascoltare la traccia sulla piattaforma on line preferita: immagina di essere su una spiaggia italiana, con un cocktail in mano e la voglia di non tornare più. "Resta con me", la colonna sonora della nostra estate. THE KIDAL è una band ricca di esperienze live tra cui quella importantissima del Liga Rock Park, dove il gruppo ha aperto il concerto di Luciano Ligabue. Dopo numerosi cambiamenti, tra i quali formazione e nome, stimolati da nuovi input musicali, la band ha scelto di riaffacciarsi sul panorama discografico con un progetto sound funky-pop, con ritmiche semplici, ma ricercate.

Quando inizia il vostro viaggio musicale? ''The Kidal, essendo nati in piena quarantena, non hanno ancora avuto la possibilità di vivere particolari esperienze musicali. Ma tre dei componenti, Dave, Ice e Kevin, in una precedente formazione, hanno avuto la possibilità di aprire il concerto di Ligabue nel 2016 a Monza. Speriamo che la situazione Covid si risolva il prima possibile, in modo da avere anche noi la possibiltà di suonare in live e quindi di farci conoscere non solo per via telematica''.

Il nome della vostra band ha un significato specifico? ''Il nome della band nasce con l'intento di darne un significato, cercando qualcosa che ci caratterizzi, quindi abbiamo deciso di creare The Kidal che sarebbe l'acronimo dei nostri soprannomi, Kevin, Ice, Dave, Ale e Luke''.

Mi pare di capire che durante la vostra gavetta avete cambiato spesso nome e formazione. Ci raccontate la vostra metamorfosi? ''La prima formazione nasce nel 2014, allora composta da Dave (batterista), Kevin (chitarrista), Ice (bassista) e altri membri. Già allora abbiamo avuto vari risutati positivi in ambito musicale, che hanno fatto sì che aprissimo il concerto di Ligabue nel 2016. Nel 2017 poi ci siamo sciolti. Con l'arrivo di Ale (tastierista), sotto altro nome riusciamo a raggiungere risultati positivi con diverse vittorie in contest a carattere locale e regionale che stimolano l’interesse degli “addetti ai lavori”, il tutto culminato con la vittoria di un ambito corso di perfezionamento musicale al C.E.T. Dopo una serie di casting al fine di individuare un adeguato cantante frontman, il gruppo si completa a Settembre del 2020 con l'arrivo di Luke (cantante). Ed eccoci qua, The Kidal''.

"RESTA CON ME" è il vostro secondo singolo. Cosa vorreste riuscire a trasmettere a chi lo ascolta? ''"Resta con Me" è nata con l'idea di proiettare l'ascoltatore in un'estate libera dalle restrizioni odierne. Siamo giovani, abbiamo bisogno di svago e divertimento e abbiamo usato la musica come mezzo sentirci liberi''.

Il vostro è uno stile che evoca il ritmo musicale degli anni '80, cosa rara per giovani come voi. Cosa rappresenta per voi musicalmente quel particolare periodo storico? ''Gli anni '80 sono stati il coronamento dei generi musicali sviluppatisi nel decennio precedente. Il funky, la musica dance, lo stesso rock hanno raggiunto, per noi, l'apice dal punto di vista espressivo e musicale. A riprova ancora oggi le radio propongono spesso brani dell'epoca, dimostrando che gli anni '80 sono stati una fucina di musica che non conosce i confini del tempo''.

State già lavorando su qualcosa di nuovo? ''Sì, tante belle novità e tanta bella musica, ma no spoiler...''.