Sono presenti 869 interviste.

14/10/2021
DEX PASCAL
''Indossare delle maschere, alla lunga, ci fa vivere una vita che non ci appartiene...''

12/10/2021
1LY
''Ci sono ancora ragazzi che hanno tanti sogni e s'impegnano per realizzarli...''

tutte le interviste


interviste

29/06/2021   UMI
  ''La nostalgia è un sentimento distorto, con una dualità e delle incongruenze...''

Ciao UMI, vogliamo parlare del tuo nuovo singolo e della sua genesi? ''Ciao! Innanzitutto vi ringrazio per l'intervista. ''Memory's Forest" è un brano che è nato per rappresentare ciò che per me è la nostalgia, e per questo ho scelto un tipo di struttura che non fosse sempre lineare, ma che avesse dei cambi di tempo più o meno repentini, questo perché secondo me la nostalgia è un sentimento distorto, con una dualità e delle incongruenze. Per me è stato importante dare spazio anche agli altri strumenti, non solo alla chitarra, quindi anche il basso, per esempio ha il suo ruolo importante''.

Questo è il tuo singolo di debutto. Il tuo progetto è appena nato. Cosa ti ha spinto a crearlo? ''Il progetto nasce dalla volontà di esprimere tramite il mezzo che amo, la musica, il periodo complesso che stavo vivendo. Avevo sempre sognato di scrivere e produrre dei brani, ed ecco che durante la quarantena si è presentata l'occasione di dedicare tempo e sudore a quest'attività. "Memory's Forest" rappresenta il primo passo di questo progetto, che vuole crescere e dare emozioni a più persone possibili''.

Di te mostri pochissimo. Nemmeno il tuo volto. Un'immagine non immagine che ti avvolge nel mistero. Cosa puoi svelarci della tua persona? ''La scelta di non mostrare nulla di me è prevalentemente per dare più spazio alla musica che scrivo, per far sì che sia giudicata per quello che è e per nient'altro. Umi è intraprendente e molto emotivo, per questo cerca sempre di imprimere nelle sue canzoni emozioni forti, che spera vengano colte''.

Quanto conta per te lo studio dello strumento e l'abilità tecnica? ''Lo studio dello strumento è sicuramente importante, ma non è l'abilità tecnica quella che cerco di mostrare, infatti le mie canzoni non hanno assoli da capogiro o dei riff complicatissimi. Cerco di dedicare più tempo alla melodia e alla struttura''.

La tua musica è strumentale. Hai mai pensato di scrivere anche dei testi? ''Ho deciso di presentare un brano strumentale, perché credo che l'assenza della voce, e la concentrazione massima sugli strumenti, sia il metodo di comunicazione che più mi piace e che più mi rappresenta. Nulla da togliere al cantato, ma credo che ciò che voglio trasmettere sia più semplice da cogliere in un brano strumentale. Quindi no, scrivere testi non è in programma''.

Stai lavorando a un disco? Se sì, puoi dirci qualche cosa in merito? ''Certo! L'album che uscirà in futuro è composto completamente da canzoni che rappresentano un momento, un emozione che ho passato nel momento di scrittura, e molto spesso la nostalgia, dalla quale prende il nome l'album, è quella prevalente. Ho cercato di catturare queste emozioni al meglio e spero che chi ascolterà il disco possa empatizzare e comprendere il messaggio''.