Sono presenti 1058 interviste.

04/08/2022
MARCH
''In italiano sono ancora più serio e impegnato anche nelle canzoni più orecchiabili...''

02/08/2022
FELIX ROVITTO
''A volte autoimporsi regole e limiti può essere uno stimolo per nuove idee...''

tutte le interviste


interviste

11/01/2022   DENIS BONJAKU
  ''Non ho dormito una settimana pensando che il singolo sarebbe uscito venerdì 17...''

Denis Bonjaku è un giovanissimo artista nato nelle Marche ma di origini albanesi, con la testa all'America: lo dimostra il suo singolo più recente, "American Dream". Ecco le nostre domande per lui.

Ciao, ci racconti il tuo percorso musicale fin qui? ''La musica è sempre stata parte di me e l’ho sempre ammirata in tutte le sue forme. Pur avendo sempre cantato, nei karaoke e nei locali dove ci fosse un microfono, inizio il mio percorso musicale ballando Danze Caraibiche e prendendo lezioni di Pianoforte. Successivamente decido di prendere lezioni di canto. E da lì è iniziato tutto. Nel 2018, decido di mettermi alla prova in un contest televisivo, The Voice Kids Albania 2, il mio paese d’origine, portandomi a casa la coppa, e anche la convinzione di voler vivere di musica per tutta la vita. Un anno fa sento la necessità di cominciare a scrivere per raccontare di me e delle mie emozioni, appassionandomi oltre che al songwriting, a quello che succede dietro le quinte, quindi la vita in Studio di registrazione. Nascono così i miei 3 primi singoli, ''Saint Tropez'', ''Deserto (Perfetto)'' ed infine ''American Dream''.

Che cosa ti ha ispirato il nuovo singolo, “American Dream”? ''American Dream nasce per ricordare un’estate passando a guardare Sitcom Americane e notti sotto le stelle. Parla di come si possa raggiungere il proprio obiettivo, senza pensare troppo al passato e godendosi il momento''.

Hai in programma anche un video? ''Sì, un video c'è già. È completamente diretto e montato da me ed è disponibile dal 20/12 direttamente sul mio canale Youtube. In 3 minuti ci sono delle clip del rullino del mio telefono, dove condivido momenti, che per qualcuno saranno insignificanti, con le persone più care per me''.

Qual è il tuo “sogno americano”? ''La mia scaramanzia è troppo, troppo alta. Non ho dormito una settimana pensando che il singolo sarebbe uscito venerdì 17, immaginatevi se vi racconto il mio sogno più grande. Vi lascio il dubbio''.

Che progetti hai in vista per il futuro? ''Non ho mai smesso di scrivere. Frequentando anche il quarto superiore, le vacanze natalizie mi hanno permesso di mettere insieme tutto quello che ho scritto, in modo poi da tornare in studio a Gennaio per creare nuova musica. Spero di poter pubblicare altri singoli, ma soprattutto di poter fare qualche live, ho bisogno di un contatto diretto con la gente, non solo telematico tramite una piattaforma di streaming digitale''.