Sono presenti 271 recensioni concerti.


NICK CAVE AND THE BAD SEEDS "Live Piazza Napoleone Lucca 17-07 18 (2a recensione)"
   (2018)


NICK CAVE AND THE BAD SEEDS "Live Piazza Napoleone Lucca 17-07 18 (1a recensione)"
   (2018)

tutte recensioni concerti


recensioni concerti

PAOLO BENVEGNU'   "Live Ratatoj Saluzzo 08-03-2008"
   (2008)

Indipendente e trasgressiva alternativa alla scialba “festa delle donne”, o meglio detta “mimosa day” per la fortuna delle nostre amate fioraie. Circolo Ratatoj di Saluzzo, piccola realtà di provincia che tiene gradevolmente testa a molti locali alternativi delle maggiori città italiane grazie alla notevole scaletta concertistica che incastra lodevolmente date di un certo calibro a identità emergenti, con umiltà di stile e di prezzi, a cui i nostri portafogli sentitamente ringraziano. Pubblico attento e decisamente affezionato a questa icona indipendente italiana, esempio di stile, eleganza, saggezza e ironia, formula magica per il nostro orecchio curioso. Affiancato da una giovane band e dallo storico batterista, Benvegnù si presenta con un assetto da palco decisamente incisivo e compatto, dove la poliedrica tecnica dei musicisti si denota nei notevoli cambiamenti di strumenti e di ritmi incalzanti. Il concerto ricalca fedelmente la scaletta dell'ultimo disco “Le labbra”, lodato dalla critica delle maggiori riviste di settore, attenuato da caleidoscopici ricordi di “Piccoli fragilissimi film”, per terminare con un pezzo storico degli Scisma. Testi decisamente più impegnati evidenziati dall'intenso, emotivo ed ironico atteggiamento, fatto di pulsanti e ossessivi spazi, di crescite e minuziose sfaccettature di un lord italiano del underground musicale. Quasi liberato, una serenità urlata tra il romantico 'Amore Santo', 'La peste e Il nemico', dove il rock intelligente fatto di scelte efficaci e ritmi incalzanti denota una semplice intellettuale padronanza di stile. Una crescita iniziata dai primi anni '90, dal noise psichedelico degli Scisma all'impostazione decisamente cantautoriale dei suoi dischi solisti, per dar voce ai testi senza limite e censura, plasmati e formati dalle derivazioni musicali pulite e geniali del gruppo. Un'atmosfera decisamente gradevole fatta di quelle pure e sane emozioni da cui a fatica riesci a scappare senza un pensiero a colori. (Sara Bracco)