Sono presenti 274 recensioni concerti.


LOREDANA BERTE' "Live Teatro Politeama Catanzaro 20-09-18"
   (2018)


PUBLIC IMAGE LTD. "Live Rocca Malatestiana Cesena 29-07-18"
   (2018)

tutte recensioni concerti


recensioni concerti

NICK CAVE AND THE BAD SEEDS   "Live Parco di Venaria Reale Torino 09-07-2009 "
   (2009)

Inutile illuderci. Nick Cave ed i suoi Bad Seeds non sono più gli stessi. E non lo sono soprattutto perché i due pilastri che da sempre hanno accompagnato l’ombroso australiano hanno deciso di abbandonare il progetto. Mick Harvey e Blixa Bargeld sono le dolorose perdite che i ''cattivi semi'' hanno dovuto patire. Quando un gruppo di tali dimensioni perde il numero due e tre per importanza in seno alla band (scegliete voi a chi attribuire la piazza d’onore e a chi, invece, il terzo gradino del podio), non può non subire delle flessioni notevoli. Flessioni che sono, peraltro, ben visibili dalle ultime uscite discografiche targate Bad Seeds; un lontanissimo ricordo dei bei momenti regalatici tra gli anni ottanta e novanta. Ma, fatta questa funerea premessa, la domanda che invece dobbiamo porci è se questo gruppo riesca ancora ad essere sé stesso anche dopo i sopraccitati stravolgimenti. Nick Cave, infatti, potrà aver perso quella vena artistica che gli aveva consentito di pubblicare album come “From her to eternity” (il primo lavoro con i Bad Seeds), “Let love in” o “Murder ballds” (solo per citare qualche titolo), ma è innegabile che l’australiano sia un grande leader che si esalta durante le esibizioni dal vivo. A noi oggi spetterà di verificare se, attraverso gli hit passati, la band riesca a ricostruirsi una verginità ed una credibilità, mai come ora compromesse. La location è quella del parco di Venaria Reale, all’interno del “Torino Traffic Festival”, ovvero la migliore manifestazione rock italiana, capace (ogni anno) di regalare spettacoli davvero sorprendenti e caratterizzati dalla totale gratuità. La sede di Venaria è una novità assoluta per il Traffic che, fino alla passata edizione, si svolgeva presso il più centrale Parco della Pellerina. La bellezza della location attuale appaga maggiormente l’occhio, anche se, probabilmente, in passato si respirava ancor più il clima del grande raduno musicale: era più libero e, sicuramente, più rock. Adesso l’imponenza della Reggia Sabauda (gioiello piemontese, specie dopo la sua ristrutturazione) e le Alpi sono una cornice insolita e assolutamente piacevole per uno dei raduni musicali più attesi dagli amanti della musica. Anticipati sul palco da St. Vincent, una ragazza che si presenta come una rocker a metà strada tra P.J. Harvey e Cat Power, i Bad Seeds fanno l’ingresso in scena poco dopo le 22.00. A detta degli organizzatori, la folla che decide di gustarsi l’offerta del Traffic Festival si aggirerebbe intorno alle 30.000 persone (forse qualcosina meno?), per una risposta che, indipendentemente dai calcoli matematici, conferma la bontà del programma piemontese. Anche quest’anno il presentatore della manifestazione è lo storico DJ Mixo (attualmente in forze a Radio Capital) che viene accolto da un saluto fragoroso (alzi la mano chi non ha passato le serate insieme alla trasmissione “Coloradio”, quando MTV non esisteva ancora e c’era la più modesta Videomusic!). Ma torniamo sul palco. I Bad Seeds sono impeccabili nei loro soliti abiti eleganti e Nick Cave appare subito in forma, facendo alcune delle sue più celebri pose plastiche. La nota di colore che possiamo subito vedere è che l’australiano non porta più quei baffoni che dal primo album dei “Grinderman” (ossia una riedizione dei Bad Seeds) caratterizzavano la sua immagine; sembra ringiovanito e meno burbero, per un aspetto che ci riporta al Cave delle copertine degli anni '80 e '90. Un inizio folgorante per “Papa won't leave you Henry” (il pezzo più trascinante di “Henry's dream”): la band sembra partire quasi timida, salvo accendersi insieme al ritmo del pezzo. Nick Cave, d’altro canto, ci mette davvero poco ad entrare nel giusto clima del concerto. Inizia a puntare, qua e là tra la folla, il suo dito accusatorio; balla e si dimena come un tarantolato e tiene il palco con grande personalità. Alcuni problemi tecnici ai microfoni rischiano di fare imbestialire il vocalist che, spazientito, ne lancia uno dietro le quinte, facendo intendere la sua scarsa disponibilità ed accettazione nei confronti dell’errore altrui (un bel caratterino, non c’è che dire!). Per i momenti dedicati alle ultime prove in studio (“Dig!!! Lazarus Dig!!!” è il più recente lavoro) Nick Cave sembra ugualmente ispirato, anche se la qualità delle canzoni e l’impatto sul pubblico sono notevolmente inferiori. È il caso di “Dig Lazarus Dig!!!” (che fu primo singolo), di “Midnight man” (brani che, comunque, riescono ancora a salvarsi), ma è con “There she goes my beautiful world” (tratto dal precedente “Abattoir Blues”) che la vena creativa di Cave appare compromessa. Un sound che non sa scegliere tra un rock (in questo caso non troppo incisivo) ed un gospel (che, forse, rimane un po’ inappropriato). Come si diceva sopra, però, Cave ed i Bad Seeds ci “credono” ugualmente e la loro classe riesce a non far perdere d’incisività lo spettacolo. I Bad Seeds di quest’anno vedono la presenza di Warren Ellis (violino, mandolino elettrico e rumori vari) e dei più “anziani” Thomas Wydler (quello che vanta la militanza più lunga nei ''cattivi semi''), Conway Savage (tastiere), Martin P. Casey (basso), Ed Kuepper (chitarra) e Jim Sclavunos (alla seconda batteria). Warren Ellis è stato, quasi certamente, la ragione prima della dipartita di Blixa Bargeld e, successivamente, di Mick Harvey. L’eccentrico violinista ha, da un lato, rivitalizzato Nick Cave (quantomeno come energia on stage), ma, per contro, ha fatto un po’ il deserto su quelli che erano i membri storici del gruppo; di fatto, è lui l’attuale numero due del complesso (non a caso è stato l’unico citato da Nick Cave durante lo spettacolo!). Lo scampanellino di “Red right hand” anticipa una delle canzoni più amate dal pubblico dei Bad Seeds. Il brano tratto da “Let love in” viene eseguito ottimamente, mentre “Deanna” (da “Tender prey”) riporta un suono più immediato e quasi punk’n roll. In alcuni pezzi il leader dei ''cattivi semi'' decide di abbracciare una chitarra elettrica e, seppur la sua tecnica si presenti assai approssimativa, è importante constatare in questo dato l’intenzione dell’australiano di virare il concerto su sonorità maggiormente rock; non compare più il consueto pianoforte, sostituito da una più modesta pianola, che suonerà sporadicamente (peraltro in piedi). “The ship song” è uno dei momenti più belli del concerto, e “utili” per lo stesso Nick Cave, che utilizza la dolcezza e l’armonia del brano per riprendere fiato prima di altre scosse adrenaliniche. È curioso sentire tra il pubblico un urlo sguaiato di un fan che richiede “Tupelo”, e proprio come il disco “Live Seeds”, a conclusione di questa irruente dedica, parte la più celebre canzone di “The firstborn is dead”. C’è spazio ancora per una “Weeping song” (la canzone meno brillante di oggi che non riesce ad essere incisiva senza il cantato di Blixa Bargeld e che viene realizzata in maniera troppo rumorosa) e per una “Henry Lee”, capace di creare atmosfera (si ricorda nel filmato originario la presenza di P.J. Harvey). Una doverosa dedica, Nick Cave la riserva a Mick Harvey, quando dà vita ad una canzone che dichiara non aver mai suonato in precedenza. Il giusto tributo per un amico (ex?) che ha accompagnato Nick Cave fin dagli esordi, quando il cantante australiano era prima eroinomane che artista e quando Harvey era quella presenza capace di “salvare” e mediare tra gli eccessi del leader. “The mercy seat” è il cavallo di battaglia del gruppo. Viene eseguita quasi a memoria dai Bad Seeds anche se l’impatto sul pubblico è stato probabilmente inferiore rispetto a quella “Papa won't leave you Henry”, posta in apertura di concerto. “Stagger Lee” è il brano collocato a conclusione dal main set ed è quello che più di altri ci rammenta l’assenza di Blixa Bargeld (e del suo lacerante urlo) …e l’avvelenata sorpresa è rappresentata dall’infernale e devastante interpretazione che Warren Ellis (definito il suo nuovo “eroe” da Cave) propone per non far rimpiangere Blixa: tra i migliori pezzi di tutto il repertorio caveiano, viene eseguita allo strenuo della resistenza dei crini di cavallo dell’archetto di Ellis, rompendosi con violenza, uno dopo l’altro… Per i rientri Cave e soci scelgono tutti brani che smorzano un po’ l’entusiasmo. Una dedica alla Luna che, limpidissima, illumina il cielo torinese, e una “Love letter” chiudono definitivamente la serata. In apertura ci eravamo posti il dubbio se l’australiano fosse ancora credibile on stage. Lo è. (Testo e Foto by Gianmario Mattacheo & Silvia Campese)