Sono presenti 271 recensioni concerti.


NICK CAVE AND THE BAD SEEDS "Live Piazza Napoleone Lucca 17-07 18 (2a recensione)"
   (2018)


NICK CAVE AND THE BAD SEEDS "Live Piazza Napoleone Lucca 17-07 18 (1a recensione)"
   (2018)

tutte recensioni concerti


recensioni concerti

GLI AVVOLTOI   "Live Il Covo Club Bologna 07-10-2011 "
   (2011)

In questo venerdì, dove si fa purtroppo viva la consapevolezza che questa estate, la seconda, del secondo decennio, del terzo millennio d.C., sia ormai agli sgoccioli, il popolo bolognese accorre in massa in un locale in zona San Donato, un Covo per artisti e appassionati di arti liriche e scritte. In questa serata il primo avvenimento è la presentazione del libro "Festival Beat", edizioni Tsunami, di Luca Frazzi. Di Fidenza, l'autore presenta il suo ultimo lavoro letterario, dove tratta di un festival itinerante di musica beat anni '60 giunto ormai alla sua 19a edizione, coadiuvato dallo scrittore felsineo Gianluca Morozzi. Il libro ha l'obiettivo di mettere nero su bianco gli avvenimenti, le emozioni e i ricordi di quei 18 anni di festival, con l'intervento di varie persone che a quel festival ci sono stati, come artisti, addetti ai lavori o come appassionati, il tutto corredato con numerose foto a colori e locandine. Il secondo evento della serata è la presentazione dell'EP della cantante romagnola Elisa Genghini, intitolato "Le Briciole del Pasto Consumato". L'esibizione acustica serve a scaldare gli animi, con le quattro canzoni del cd. Arriva poi l'ora degli headliner della serata: usciti da un salto temporale di quasi cinquant'anni, sul palco salgono gli Avvoltoi. Complesso, sì," complesso", perchè negli anni '60 non esistevano nè band nè tantomeno gruppi, formatisi negli anni '80. Il concerto inizia con "Circo Magico", dove si invita la folla a prendere posto sotto il palco, l'allegra "Girare il Mondo" e "Un Uomo Rispettabile", dove si parla di un Donati Andrea lavoratore instancabile e rispettabile. Il buon Moreno ha qualche problema di salute, un po' di mal di gola, una mezza sinusite e un orecchio tappato, dovuti al fatto che da piccolo si "ciucciava" il dito, causando lo spostamento... Beh! Lasciamo perdere... Intanto che Moreno si cura con sciroppo, spray per la gola, caramelle tipo Benagol e sorsi di birra, il suo braccio destro (dico destro perchè è effettivamente a destra del cantante), il chitarrista Lerry intrattiene il pubblico con un oroscopo improvvisato. Molto riuscita è l'italianizzazione di "Paint it Black" dei Rolling Stones, intitolata "Tutto Nero", cui segue "L'Altro Dio", title-track del loro The Best, uscito nel 2009. Poi è il momento dell'acclamatissima "Gianni", vero e proprio inno anni '60, dove si canta, senza sapere il perchè. Uno dei momenti top dell'esibizione è quando Buddy Cich "Ciccio", batterista storico del panorama underground bolognese, esegue la cover "Coccinella" di Ghigo, vero e proprio inno sixsteen's. Gran successo hanno anche "Sono Una Star", "Gli Avvoltoi Sono Qua" e "Questa Notte", dove vengono scelti due ragazzi dal pubblico per fare i cori. A questo punto si è giunti alla fine del concerto: con "Wipe Out" si presentano i componenti del complesso, applausi reciproci tra platea e palco per ringraziarsi a vicenda della performance indimenticabile della serata, nella quale un ruolo imprescindibile l'hanno avuto anche il bassista Michele Rizzoli e, all'organo, il Maestro Davide Guastaroba. Segue un dj set del cantante Moreno ispirato alla musica rock degli anni '60, e tutti in pista a ballare fino a notte fonda. Si va a letto con la consapevolezza di avere un gruppo valido, praticamente sotto casa, attendendo l'uscita del loro prossimo album di inediti, prevista per il prossimo anno, ma anticipato già a dicembre da un singolo... ormai ci siamo! (Marco Graziani)