Sono presenti 277 recensioni concerti.


BABA SISSOKO "Live Nadir Padova 08-11-18"
   (2018)


SERGIO CAMMARIERE "Live Teatro Politeama Catanzaro 27-10-18"
   (2018)

tutte recensioni concerti


recensioni concerti

MINISTRI   "Live Living Room Lugano 21-10-2006 "
   (2006)

Il buon cioccolato non è solo svizzero, si diceva qualche anno fa. In compenso però i nostri cugini elvetici hanno imparato a organizzare concerti rock molto meglio di noi. La prima data in terra straniera del tour promozionale dei Ministri ne è la lampante dimostrazione: suoni fatti come si deve, un maxischermo con il logo della band dietro al palco, un dj-set coerente a fine concerto e soprattutto un pubblico spettacolare. Ad assistere alla performance del trio al Living Room di Lugano c’erano infatti più di 300 persone, tanto strette da brindare all’evento involontariamente. Una folla più preparata del previsto (sarà merito del tentacolare myspace?) al concerto della band milanese e al loro insolito approccio con la discografia (nell’album d’esordio 'I Soldi Sono Finiti', brilla infatti in copertina un vero euro donato dalla band agli ascoltatori). I convenevoli vengono così ridotti al minimo e l’abituale iato che divide ormai il pubblico dal palco nella maggior parte dei concerti rock si colma già al secondo pezzo. La scaletta ripropone i dodici pezzi del disco in una chiave molto più fisica e aggressiva, tanto che alcuni alticci delle prime file vengono gentilmente allontanati dal servizio d’ordine per eccessi di euforia (specie durante il singolo “I Soldi sono finiti”), mentre alcune riletture eccellenti (Battiato, Kinks, Talking Heads) riescono a coinvolgere nella mischia anche i più inamovibili. I Ministri, in compenso, si muovono pure troppo e sembrano rischiare ad ogni brano urti micidiali con aste, piatti e spie. Gli orfani dei Nirvana e i punkettari inconsolabili ringraziano, le indiettine con maglietta a righe e pantaloni a sigaretta, abituate alla semi-paralisi di molte indie-band attente a non stropicciarsi i vestiti, prima stupiscono poi partecipano. Dopo un’ora e venti di concerto e un epilogo autodistruttivo degno dei migliori Who, I Ministri si congedano e promettono un bis elvetico prossimo venturo. Succede loro Tibe, dj dalla selezione quanto mai eterogenea (dai Sigur Ros agli Ediotors alla Famiglia Addams), incaricato di tenere in movimento il pubblico ministrizzato fino alle 5 di mattina.