Sono presenti 271 recensioni concerti.


NICK CAVE AND THE BAD SEEDS "Live Piazza Napoleone Lucca 17-07 18 (2a recensione)"
   (2018)


NICK CAVE AND THE BAD SEEDS "Live Piazza Napoleone Lucca 17-07 18 (1a recensione)"
   (2018)

tutte recensioni concerti


recensioni concerti

MINISTRI   "Live Magazzini Generali Milano 01-12-16"
   (2016)

Quando ho visto i Ministri per la prima volta, eravamo in duecento, un numero forse arrotondato per eccesso. Era il 2009, ad un festival estivo gratuito a Gioia del Colle, un paese più o meno a metà fra Bari e Taranto. “Tempi Bui” era uscito da pochissimo e io adolescente forse non lo ero ancora. Mi stavo affacciando per la prima volta al mondo dell’indie italiano e i Ministri furono una delle mie prime “scoperte” e, per quanto mi riguarda, è un elemento da non sottovalutare: in quel momento è scoccato una sorta di legame affettivo con la band. Perché di “Tempi Bui” mi ero già abbondantemente drogato, di “I Soldi Sono Finiti” no, ma non era mai accaduto, prima di allora, che io scoprissi un gruppo e lo facessi ascoltare alla mia compagnia di quella sera: mio fratello e alcuni suoi amici. Da allora sono passati sette anni, i Ministri hanno realizzato altri tre dischi e io ho visto molti altri loro concerti. Quello del 1° Dicembre, però, aveva un retrogusto particolare: era un tour per la celebrazione del loro primo disco, l’unico ad aver compiuto dieci anni. Una scaletta presentata, per la prima volta, al Mi Ami Festival 2016. Oggi i Ministri fanno sold out pressoché ovunque, non solo nella loro Milano, forti di una proposta che è rimasta praticamente immutata nel corso del tempo ma che è arrivata a un pubblico sempre maggiore, sull’onda della crescita di tutto il panorama musicale indipendente italiano. Entrambe le date ai Magazzini Generali sono state accolte positivamente, e per molti la scelta fra 1 e 2 Dicembre è stata dettata dal diverso tasso d’interesse per i gruppi d’apertura, fra cui figuravano anche Giorgieness e Joe Victor, due realtà in crescita e dal futuro assicurato. Salutati dal boato dei presenti, i Ministri hanno proposto, con un ordine diverso, tutti i brani di “I Soldi Sono Finiti”, aprendo con “La Mia Giornata Che Tace” e chiudendo, come da prassi, con “Abituarsi Alla Fine”. Nel mezzo, tanti circlepit, tanto pogo e tantissimo sing-along, anche sui pezzi più riflessivi come “Le Mie Notti Sono Migliori Dei Vostri Giorni”, “I Muri Di Cinta” o “Il Sangue Dal Naso”, su cui è arrivata anche una piccola stecca del frontman Davide Autelitano, motivo per il quale è ripartito dall’inizio dopo pochi secondi. Un errore perdonabile e perdonato, sul quale lo stesso “Divi” ha scherzato. Sarebbe ingeneroso soffermarsi troppo su un difetto d’intonazione, per altro subito corretto, data la bontà dell’esibizione e il grande impegno che i Ministri mettono ogni volta sul palco, creando sempre una grande empatia con il pubblico. Costanza confermata anche nella seconda parte del concerto, dopo che la prima s’era chiusa con “Il Camino De Santiago”, la traccia bonus “Il Mio Compagno Di Stanza” e “Non Mi Conviene Puntare In Alto”. In reprise, oltre a tre dei quattro pezzi contenuti nell’EP “La Piazza” (unico assente “Fari Spenti”), è arrivata anche la cover della celeberrima “Rock The Casbah” dei Clash con gli amici Selton. Le dodici tappe del tour “Dieci Anni Bellissimi” stanno regalando nuove soddisfazioni a una band ormai decisamente affermata che conferma il proprio fortissimo legame con i fan e un’attitudine dal vivo invidiabile. (Piergiuseppe Lippolis)