Sono presenti 280 recensioni concerti.


ELEONORA BIANCHINI & LAURA LALA "Live Auditorium Parco della Musica Roma 14-12-18"
   (2018)


PEPPE SERVILLO & MARIO INCUDINE "Live Teatro Cilea Reggio Calabria 30-11-18"
   (2018)

tutte recensioni concerti


recensioni concerti

ELEONORA BIANCHINI & LAURA LALA   "Live Auditorium Parco della Musica Roma 14-12-18"
   (2018)

In un epoca che tende a dividerci e a dividere tutto e tutti, due artiste hanno deciso di tenere un doppio concerto che abbiamo visto per voi alla Sala Gianni Borgna dell’Auditorium Parco della Musica a Roma. Eleonora Bianchini e Laura Lala sono due cantautrici non ancora famosissime ma che lo meriterebbero. Entrambe sono dotate di talento da vendere e di voci interessanti. Il concerto inizia con la Bianchini, umbra, diplomata al Berklee College of Music di Boston, che presenta il suo nuovo CD “Surya”. Chitarra imbracciata e voce dolce ma importante, parte con “Everything”, continua con il nuovo singolo “Nuvole”, poi con una poesia di Garcìa Lorca in spagnolo da lei musicata e altri brani del CD, per concludere il suo set proprio con la ritmata title track. Eleonora incanta con il suo stile tra il folk, il jazz e la musica brasiliana, accompagnando splendidamente con la chitarra la sua bellissima voce, con l’aiuto di tre musicisti in stato di grazia: il bravissimo Alessandro Marzi alla batteria, l’ottimo Seby Burgio al pianoforte e il grandissimo Marco Siniscalchi al basso. Gli stessi tre accompagnano la palermitana Laura Lala, che presenta il suo nuovo progetto “Coraggio”. Un gran disco con brani folk vestiti di jazz, intriso di sicilianità. Il primo brano che la cantante presenta è “Un ci la fazzu chiu”, per proseguire con “Chi è straniero”, la bella “Occhi chini”, “Ferma” e soprattutto il singolo “Tempu”. La voce calda e corposa della brava artista, unita alla sua espressività innata e all’abilità dei musicisti incanta e coinvolge il pubblico. Alla fine le due artiste intonano come bis una personale, bellissima versione della brasiliana “Oh che sarà” con il testo di Fossati, reso ancora più importante dalle armonizzazioni vocali delle due interpreti. Un concerto magico per due artiste talentuosissime che meriterebbero una maggiore attenzione da parte di pubblico e media. (Francesco Arcudi)