Sono presenti 338 recensioni concerti.


CATERINA ENSEMBLE & ALBERTO LA ROCCA "Live Parco Frassanelle Rovolon PD 16-06-24"
   (2024)


SIMPLE MINDS "Live Forum Milano 20-04-24"
   (2024)

tutte recensioni concerti


recensioni concerti

THE CURE   "Live Unipol Arena Casalecchio di Reno (BO) 31-10-2022"
   (2022)

Con la tappa bolognese i Cure iniziano il mini tour italiano, proseguendo quei concerti che, partiti dalla Scandinavia, stanno portando entusiasmo tra vecchi e nuovi seguaci del gruppo.

Come sappiamo la band si presenta sul palco con un esercito composto da ben sei elementi e viene quasi da sorridere pensando alle mille trasformazioni avute solo negli ultimi anni. Da quintetto con 1-2 tastiere, siamo prima passati ad un trio, per poi tornare a quartetto e una sola chitarra, passando per un quintetto e due chitarre, fino al tour 2022, ovvero alla storia recente.

Nel mentre, per non farci mancare niente, qualche mese fa ci fu l’abbandono di Simon Gallup, un addio durato appena qualche giorno; insomma, non esattamente il massimo dell’equilibrio per una band che sta per dare alla luce il suo quattordicesimo album in studio. Un album le cui premesse sono davvero esaltanti se solo pensiamo alle canzoni proposte in anteprima.

“This is the end …” sono le prime parole estratte dall’apripista “Alone”, accompagnate da un boato del grande palazzetto dello sport alle porte del capoluogo emiliano.

Un focus sui protagonisti. Robert Smith, con passo sornione si aggira per il palco, mostrando una sicurezza rodata in più di quarant’anni di carriera, spinto da una voce impermeabile al passaggio del tempo. Simon Gallup, che non concede (mai) un sorriso, vive lo spettacolo in maniera molto fisica; Cooper è un martello che non perde un colpo; Gabrels l’oggetto misterioso (mi sembra tale nonostante i dieci anni di militanza); Roger O’Donnell, più gioviale rispetto ad inizio tour e Bamonte che sembra vivere il ritorno in seno al gruppo molto in sordina, quasi fosse “quello in più”.

Oggi la Palma d’oro tra le canzoni offerte nel mainset se l’aggiudica “Cold”. Se quell’inno desolante, vecchio di quarant’anni, a Stoccolma mi era parso un po’ sottotono, qui si riprende tutta la sua rivincita per cinque minuti di una dolce e irresistibile angoscia.

Il primo rientro è quello capace di alzare ancora di più il livello della serata. La nuova “I can never say goodbye”, interpretata con grande pathos, anticipa “Faith e “A forest” e che queste due canzoni siano cementate nel cuore dei sostenitori lo testimonia il trasposto collettivo, palese sul volto di tutti.

Ma voglio chiudere facendo un passo indietro, quasi all’inizio del concerto, ovvero da quella “And nothing is forever”. Il nuovo brano, dolce fin da quei tocchi sui tasti con cui si apre il pezzo, ridefinisce e aggiorna non solo il sound ma anche la poesia. “E lo so, lo so, il mio mondo è invecchiato, ma davvero non importa se dici che staremo insieme, se prometti che alla fine sarai con me. Promettimi che alla fine sarai con me”.

Perché in un concerto ci sono tante di quelle cose che mi risulta difficile contenerle, riassumerle e trattenerle in una recensione. Alcune di esse le perdi, ti scivolano dalle dita, mentre cerchi di catturarle e imprigionarle nella tastiera di un pc. Adesso, per esempio, trattengo le lacrime. Quelle buone. (TESTO E FOTO: GIANMARIO MATTACHEO)